L'intervista

Parla Ylenia: volli, volli, fortissimamente volli…lavorare in radio

Curiosità, desideri e passioni della star del programma Benvenuti nella Giungla che per la prima volta si confessa su 105.net

Bella, simpatica, piena di talento e amatissima dal pubblico radiofonico. Segni particolari? Una determinazione e un’energia contagiosa. Stiamo parlando di Ylenia, una delle voci più amate di Radio 105.

Dai primi lavori come cameriera e barista all’età di 19 anni alla conduzione di famosi programmi radiofonici e alla partecipazione in show televisivi come Zelig on the road, Freedom e Colorado Revolution, di strada Ylenia ne ha fatta tanta. Attualmente è la voce del programma Benvenuti nella Giungla, condotto da Gianluigi Paragone e Mara Maionchi e in onda dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 21. E a proposito dei due compagni di viaggi dice: “Mi piacciono perché sono delle persone vere”. 

E che dire di quando era bambina e cantava nel coro Piccoli cantori di Milano?  E sul servizio fotografico pubblicato su un numero di Playboy di qualche anno fa?

In questa intervista scoprirete alcune curiosità, passioni e retroscena della nostra Ylenia.

 

Quali sono stati i tuoi primi  passi nel mondo del lavoro?

Dopo essermi diplomata al liceo linguistico non ho continuato a studiare  per due motivi. Il primo perché non sapevo che strada intraprendere il secondo perché mi sarei dovuta pagare gli studi dato che non provengo da una famiglia benestante. A 19 anni l’idea di studiare e nello stesso tempo lavorare non mi entusiasmava.  La scelta è stata semplice: ho deciso di andare a lavorare.

 

Che professioni hai svolto?

Ho fatto i lavori più disparati: dalla commessa nei negozi, alla hostess, al volantinaggio, alle interviste telefoniche, alla cameriera in un bar e in una pizzeria.  Tutti lavori che mi hanno insegnato a relazionarmi con il pubblico.

 

Insomma sei stata molto indecisa?

In realtà ho sempre saputo, fin da quando ero bambina e mi chiedevo in bagno a leggere con  enfasi le etichette dello shampoo, che avrei lavorato con la mia voce.

 

Una voce che hai utilizzato fin da piccola.

Dal 1985 fino al 1997 ho cantato in un coro molto famoso all’epoca, anche se esiste anche ai nostri giorni, che si chiamava Piccoli cantori di Milano. Io e gli altri coristi abbiamo cantato insieme a Cristina D’avena le sigle ufficiali dei cartoni animati di quel periodo. In quegli anni lavoravo anche come speaker dato che la mia voce veniva utilizzata in spot pubblicitari con protagonisti i bambini. In generale è stato un periodo molto inteso: ho partecipato anche a trasmissioni televisive importanti all’epoca come Sabato al Circo. Devo dire grazie ai miei genitori che hanno assecondato questa mia passione e hanno fatto grandi sacrifici.

 

I loro sforzi sono stati ripagati…

C’è stata anche un po’ di fortuna. Ma la fortuna, come dice la locuzione latina, aiuta gli audaci. Le cose bisogna andare a prenderle, bisogna, per così dire, forzare la mano come ho fatto a Radio 105. Voglio ringraziare, chi in questa radio, ha creduto in me da subito e mi ha dato l’opportunità di intraprendere questo percorso professionale.

 

Ovvero? Come è nata la tua avventura a Radio 105?

Ho iniziato a lavorare come centralinista. Dopo tre anni ho chiesto di fare un provino. Sapevo dentro di me che quella era la strada giusta. Mi sono detta: o la va o la spacca. Volevo andare in onda. Come detto: volevo lavorare con la mia voce.

 

Quali sono stati i primi passi?

All’epoca avevo 22, 23 anni e le mie giornate erano intensissime. Lavoravo 8 ore come centralinista e poi registravo i promo per 105. Non solo. Alternavo a queste attività anche ore e ore di provini di finte puntate zero. C’è molta diversità nel leggere e interpretare comunicati pubblicitari e andare in onda. La passione e il desiderio di raggiungere quello che volevo sono stati più forti della fatica e degli ostacoli che mi si sono parati di fronte.

 

Adesso sei una delle voci del programma Benvenuti nella Giungla al fianco di Gianluigi Paragone  e Mara Maionchi. Ci puoi dire qualcosa su di loro?

Non sono finti o costruiti ma veri così come li sentite alla radio. Sia Gianluigi sia Mara mi hanno messa subito a mio agio e mi hanno aiutata a capire meglio certe dinamiche anche perché i temi politici ed economici non sono esattamente la mia materia.

 

Un punto di forza del vostro show?

Dare voce agli ascoltatori: diamo loro la possibilità di esprimersi senza filtri. Le telefonate non sono farlocche. Non ci sono filtri, è tutto vero.

 

La parte più interessante del tuo lavoro?

Sono contenta di capire di più molte cose.

 

Dalla tua postazione privilegiata come vedi i trentenni di oggi?

Li vedo con tanta voglia di fare. Purtroppo non sono messi nelle condizioni di poter fare o non hanno i mezzi adatti a poter fare. I giovani hanno idee ma poi si scontrano con una realtà difficile e complicata.

 

Le donne? Stanno conquistando un po’ di spazio nella società?

Rispetto a qualche anno fa, il gentil sesso ha guadagnato terreno. Non a caso ci sono donne che ricoprono ruoli importanti.  Per la parità la strada è ancora lunga.

 

Scegli un super potere?

Li vorrei tutti! Mi piacerebbe leggere nella mente delle persone così capirei subito cosa pensa di me chi mi sta parlando. Tutto sarebbe più semplice così si eviterebbero paranoie, paturnie e fraintendimenti inutili.

 

Meglio un uovo oggi o una gallina domani?

Un uovo oggi. Il motivo è semplicissimo: è una cosa tangibile, è una cosa presente. Non è forse vero che come ha detto Lorenzo Il Magnifico: “Del doman non c’è certezza”? Preferisco vivere nel presente.

 

Se non avessi fatto la speaker?

Probabilmente avrei recitato, avrei inseguito la carriera teatrale. Mi vedo anche nei panni di un’imprenditrice ma non so in quale campo.

 

A proposito di recitazione. Hai fatto un cameo nel film Manuale d’amore 2 e hai partecipato a programmi televisivi come Colorado Revolution. Come descriveresti questi tre mezzi di comunicazione (radio, televisione e cinema)?

La radio è più efficace, immediata, libera e spontanea. Il cinema è un mondo affascinante, bello ma anche molto stancante, ma ho pochi elementi per un giudizio definitivo. La televisione mi piace molto.

 

Se avessi l’opportunità di fare ancora televisione cosa ti piacerebbe fare?

Mi piacerebbe condurre programmi musicali d’intrattenimento ma anche partecipare come concorrente a un reality.

 

Come Il Grande fratello?

No. Ho un’altra idea. Mi piacerebbe partecipare a uno show, a un reality sulle buone maniere, sull’eduzione e sul senso civico anche perché ultimamente mi sembra si sia un po’ perso.

 

Film Preferito?

Non ho dubbi, Dirty Dancing. L’ho visto almeno una ventina di volte. In generale mi piacciono le commedie romantiche e pellicole che fanno ridere.

 

Libri preferiti?

Uno dei libri più stimolanti che ho letto nella mia vita è il Piccolo principe di Antoine de Saint-Exupery.

 

Quali sono le qualità che ti piacciono in una donna?

Mi piacciono le donne forti, risolute, determinate. Mi piacciono quelle donne, che con grinta, raggiungono i propri traguardi senza scendere a compromessi.

 

La bellezza aiuta nel mondo del lavoro?

La bellezza è un dono, un colpo di fortuna! La bellezza può aiutare nel mondo del lavoro. E’ una buona carta da giocare unita e supportata ad altre qualità come la bravura, il talento, l’impegno e la costanza.

 

A proposito di bellezza, rifaresti il servizio fotografico uscito qualche anno fa su Playboy?  

All’epoca avevo 25 anni. Adesso non so se lo rifarei perché questo genere di cose, secondo me, vanno fatte entro una certa età. Ho vissuto quel servizio fotografico come un’opportunità.

 

Rimpianti e rimorsi?

Rimpianti no. Sono una persona che fa tendenzialmente quello che si sente di fare in un dato momento. Non mi sono mai pentita di non aver fatto una cosa. Rimorsi? Si ma cerco di non pensarci e di guardare al presente. E’ inutile stare a pensare alle azioni passate. La cosa importante è non ripetere lo stesso errore.

 

Consigli a chi vuole intraprendere una carriera radiofonica?

L’unico consiglio che posso dare lo attingo direttamente all’interno del sacco della mia esperienza: io sono andata dritta per la mia strada come un carro armato. Nessuno ti regala niente. Bisogna lottare per conquistare i propri traguardi soprattutto se, come me, si è figli di nessuno.

La tua serata ideale?

Buon cibo, vino rosso e la compagnia dei miei amici.

In tête-à-tête col tuo amore?
Sì (e non aggiunge altro, ndr)

Di Luca Mottaran

 

 

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Ligabue
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Classics
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 2k & More!
 
105 Miami
 
Radio Bau & Co
 
105 HipHop & RnB
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Coldplay
 
Radio Festival
 
105 Hits
 
105 Story
 
MUSIC STAR Prince
 
105 Dance 90
 
MUSIC STAR Vasco
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 

Playlist tutte