E' morto Muhammad Ali, la leggenda del pugilato

Muhammad Ali è morto all'età di 74 anni nell'ospedale di Phoenix, in Arizona. Ad annunciarlo un portavoce della famiglia.

L'ex campione dei pesi massimi del mondo Muhammad Ali, uno degli sportivi più noti al mondo, è morto ieri in seguito all'aggravarsi della sua malattia respiratoria, condizione complicata dal Parkinson di cui era affetto da oltre 30 anni.
I funerali avranno luogo a Louisville, Kentucky, la città natale di Ali.

Cassius Clay, questo era il suo vero nome che decise di cambiare in Muhammad Ali dopo essersi convertito all’islam nel 1964, ha raggiunto la fama vincendo l'oro dei pesi massimi leggeri nel 1960 alle Olimpiadi di Roma.

Soprannominato "The Greatest" (Il più Grande), l'americano ha battuto Sonny Liston nel 1964 vincendo il suo primo titolo mondiale diventando il primo pugile a vincere un titolo mondiale dei pesi massimi in tre diverse occasioni.

Ali non era solo un "Grande" atleta sul ring lo era anche nella vita, come uomo. Fu infatti un attivista per i diritti civili e un poeta che trascende i confini dello sport, razza e nazionalità.

Ali è diventato professionista subito dopo le Olimpiadi di Roma ed è aumentato tra i ranghi dei pesi massimi, deliziando la folla con la sua showboating, i piedi strascicati e riflessi fulminei.
Clay ha sbalordito il mondo della boxe vincendo il suo primo titolo mondiale dei pesi massimi all'età di 22 anni.
Predisse che avrebbe battuto Liston, pugile che non aveva mai perso, e così fece dopo dopo sei round mozzafiato, Liston fu incapace di far fronte al suo sfacciato, giovane avversario.
Al momento del suo primo incontro con Liston, Muhammad Ali era già coinvolto con la Nation of Islam, un movimento religioso i cui obiettivi dichiarati erano di migliorare la condizione spirituale, mentale, sociale, ed economica degli afroamericani negli Stati Uniti.

Nel 1967, Ali prese la decisione importante di opporsi alla guerra degli Stati Uniti in Vietnam, una mossa che fu ampiamente criticata dai suoi colleghi americani.
Il suo rifiuto ad arruolarsi gli costatorono il titolo mondiale, la licenza di boxe e il divieto di combattere per ben 4 anni.

Nel 1971, Ali tornò sul ring e si riprese la notorietà in tre delle gare più iconiche della storia della boxe.
Il grande avversario di Ali fu Joe Frazier, che l’8 marzo 1971 lo sconfisse al Madison Square Garden di New York. Il match terminò dopo 15 durissimi round e Frazier fu il primo pugile a sconfiggere Ali. L’incontro è considerato uno dei più avvincenti della storia della boxe ed è stato definito “The Fight of the Century”, l’Incontro del Secolo.

Si ritirò nel 1981, dopo aver vinto 56 dei suoi 61 combattimenti. Tre anni dopo gli fu diagnosticato il morbo di Parkinsons.
Ali accese la fiamma olimpica ai Giochi di Atlanta 1996 e portò la bandiera olimpica alla cerimonia di apertura per i Giochi del 2012 a Londra.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 2k & More!
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 Classics
 
105 Story
 
MUSIC STAR Vasco
 
MUSIC STAR Elisa
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 InDaKlubb
 
Radio Festival
 
105 Dance 90
 
Zoo Radio
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Prince
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Coldplay
 

Playlist tutte