Le strade di Kabul si colorano di street art: ecco il Banksy afgano

Afgano emigrato in Australia, Kabir Mokamel torna periodicamente nella sua patria per disegnare sui muri.

Si ispira a uno dei più celebri street artisti del mondo, Banksy, ma lui non è né anonimo né inglese.

Si chiama Kabir Mokamel, ha 40 anni ed è afghano, anche se vive ormai da anni in Australia.

Da diverso tempo torna periodicamente nella sua patria per dipingere i muri della città di Kabul, sventrata dalla guerra e dagli attacchi kamikaze.

L’intento dell’arte di Mokamel è chiaro: condannare gli orrori della guerra e della corruzione del suo Paese natale attraverso una resistenza culturale. Proprio come fa Banksy in giro per il mondo.

Il suo stile, infatti, deve molto a quello del celebre street artist inglese, anche se ormai ha raggiunto una cifra espressiva perfettamente riconoscibile.

Tra le sue opere più famose c’è senza dubbio la prima, risalente al 2015: una donna mediorientale con gli occhi liberi dal burka; ma anche il grande cuore rosso trasportato dalla carriola e la mappa dell’Afghanistan coperta da un cerotto.

L’arte di Makamel ha già fatto numerosi affiliati tra gli artisti locali, che hanno creato il collettivo “Arts Lords”, “I Signori dell’Arte”, in contrasto ai Talebani, i signori della guerra.

Al momento lo street artist è alle prese con un grande progetto che vuol celebrare la gente comune, dal titolo “Eroi della mia città”, un complicato graffito che richiede l’utilizzo di ben 32 colori.

Opera complessa, anche perché particolarmente dispendiosa: «Il materiale è costoso e per il momento mi autofinanzio. Sarò grato se qualche cittadino afghano vorrà contribuire economicamente e sostenere la mia arte, ma non accetterò soldi né aiuti dal governo».

Il fine delle sue opere non è, però, solo ideologico, ma ha anche uno scopo sociale: quello di riavvicinare le persone. Lo stesso Kabir ha infatti dichiarato che nella realizzazione delle sue opere si ispira alle persone comuni che incontra per strada, le ferma e chiacchiera con loro. Un modo per rinsaldare legami “umani” indeboliti da anni di conflitto e «per le persone di recuperare lo spazio pubblico».

foto da tpi.it

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Vasco
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Prince
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
MUSIC STAR Zucchero
 
105 Classics
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 Hits
 
105 HipHop & RnB
 
Webradio 105 Rap Italia
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 2k & More!
 
Radio Festival
 
105 Story
 
Zoo Radio
 
105 Dance 90
 
Radio Bau & Co
 
XMas Radio
 

Playlist tutte