105 Night Express

Mistery Express: Paolino & Martin ci portano a Torino, la città magica per eccellenza

La nuova puntata sarà dedicata a esoterismo, magia, ma anche grandi misteri della storia.

Mistery Express: Paolino & Martin ci portano a Torino, la città magica per eccellenza

“Se venisse stilata una classifica delle città più misteriose al mondo, il gradino più alto del podio verrebbe sicuramente assegnato a Torino. Il capoluogo piemontese incarna infatti tutti gli aspetti dell’esoterismo in tutte le sue più svariate forme. Si dice che Torino sia la città magica per eccellenza e che vi sia una città nella città, popolata di leggende, nascondigli segreti, occultismo e simbolismo".

Di Torino esiste una parte visibile quella in superficie, ma molti non sanno che al di sotto di essa esistono chilometri di cunicoli e gallerie. Secondo gli esoterici in un punto della città precisamente sotto Piazza Castello si trovano tre grotte Alchemiche, accessibili da sei punti diversi, tre tra i quali non conducono a niente. Si dice siano state create per disorientare i più curiosi, ma esistono altri tre punti di accesso che in realtà condurrebbero proprio ad esse.

Secondo la leggenda le grotte Alchemiche sono luoghi di massima concentrazione di energia dove i pensieri dell’inconscio possono essere materializzati, si narra che il principe Umberto dopo essere riuscito ad entrare nella prima, vide materializzarsi le sue paure proprio davanti ai suoi occhi facendolo così morire.

Torino fa anche parte di uno dei vertici dei triangoli della magia bianca insieme a Lione e Praga ma fa anche parte di uno dei triangoli più importanti della magia nera insieme a Londra e San Francisco. E’ anche percorsa da due correnti energetiche opposte, dato lo scorrere della Dora (polarità femminile) e del Po (polarità maschile), che scorrendo nel sottosuolo conferirebbero alla città un polo di energie telluriche positive da un lato e negative dall’altro. Le arterie principali del centro sono molto regolari perché ricalcano l’impianto del cardo e del decumano romano, ma le geometrie della città non si limitano a questo.

L’architetto austriaco Peter Muller, tempo fa si accorse che collegando tra loro i principali luoghi sabaudi della città ovvero Il castello di Rivoli, la basilica di Superga, la reggia di Venaria, la palazzina di caccia di Stupinigi e il castello di Moncalieri si vada a formare un pentacolo simbolo benevolo per alcune culture ma anche riconducibile alla figura demoniaca di satana.

La punta è rivolta verso nord e l'asse est-ovest (percorso del sole) collega Superga a Rivoli, tagliando a metà la città secondo una linea anch'essa ricca di significati misterici, che percorre tutto corso Francia, passa per piazza Statuto (considerata la porta dell'inferno), attraversa il cimitero Generale per giungere infine alla Basilica di Superga.

Ma i misteri non finiscono certamente qui. Sebbene stiamo parlando di una città piemontese, sembra sussistere un forte legame con gli egizi. Partendo dalle leggende sulla fondazione del capoluogo torinese, ci sono continui richiami al popolo delle piramidi. Si narra infatti che Fetonte, principe egizio, decise di trasferirsi e di andare alla ricerca di un luogo ameno dove vivere.

Giunto in una zona estremamente fertile, pianeggiante e bagnata dalle acque di un ricco fiume incontrò un magnifico toro. Interpretando l’incontro con quell’animale di grande auspicio e fortuna, scelse di stabilirsi in quel luogo dove fece sorgere una città che battezzò Torino in onore di quel toro. Non è quindi un caso che il più grande museo egizio al mondo dopo quello del Cairo, si trovi proprio a Torino. Questa città è stata inoltre la culla di personaggi come Fulcanelli con i suoi trattati di alchimia, di Gustavo Rol, definito uno dei maggiori sensitivi d’Italia ed ha attratto a sé anche l’astrologo Nostradamus che si trasferì a Torino per un breve periodo.

Esoterismo, magia, ma anche grandi misteri della storia che, guarda caso, sembrano tutti passare per questa città. Nota a tutti la presenza della Sacra Sindone che è custodita nel Duomo, ma non solo. Uno degli oggetti più sacri della cristianità è il Santo Graal, il calice da cui bevve Gesù durante l’ultima cena. C’è chi pensa che sia nascosto proprio a Torino. Di fronte alla chiesa della Gran Madre infatti si trovano due statue, chiamate della Religione e della Fede. La statua della fede sorregge un calice e si dice che il suo sguardo indichi un punto sulle colline dove sia seppellito proprio il Santo Graal.

I richiami all’antico Egitto proseguono anche in questa chiesa che la tradizione vuole sia stata eretta dove un’antica popolazione venerava Iside. La dea della fertilità veniva definita la ‘Gran Madre’ e sembra che proprio da qui la chiesa sia stata battezzata allo stesso modo. Infine sembra che nei sotterranei della chiesa sia celata una madonna nera che richiamerebbe ancora una volta alla dea egizia dalla carnagione scura.

Nonostante passino gli anni Torino rimane una città molteplici aspetti e ancora completamente avvolta in un tenebroso alone di mistero, è una città dove convivono luci ed ombre, energie positive e negative e dove si narra che il diavolo in persona abbia deciso di prendere residenza.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Vasco
 
MUSIC STAR Coldplay
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 Story
 
105 Classics
 
105 Hits
 
105 Miami
 
105 InDaKlubb
 
105 Dance 90
 
MUSIC STAR Prince
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 HipHop & RnB
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
Webradio 105 Rap Italia
 
Radio Festival
 
105 2k & More!
 

Playlist tutte