Justin Bieber, a San Valentino l'udienza per i fatti di Miami

Inizierà il 14 febbraio il processo al cantante, accusato di resistenza all’arresto, guida in stato di ebbrezza e con patente scaduta

Justin Bieber

Inizierà il 14 febbraio il processo al cantante, accusato di resistenza all’arresto, guida in stato di ebbrezza e con patente scaduta

 

Inizierà il 14 febbraio il processo al cantante, accusato di resistenza all’arresto, guida in stato di ebbrezza e con patente scaduta

L’udienza. Altro che Chantel Jeffries. Justin Bieber non vivrà un romantico San Valentino con la sua nuova fiamma: il 14 febbraio, infatti, il tribunale di Miami ha fissato la prima udienza del processo a carico della star canadese, accusata di resistenza all’arresto, guida in stato di ebbrezza e con patente scaduta in seguito all’arresto operato dalla polizia della città della Florida lo scorso 23 gennaio, quando Bieber fu fermato in compagnia di un amico, tale Khalil Amir Sharieff, mentre alle 4 di notte gareggiava con lui per le vie della città a bordo di una Lamborghini e una Ferrari. La procedura non richiede la presenza del cantante in aula, ma di certo se Bieber decidesse di partecipare non sarebbe un cattivo segno nei confronti della corte. Al momento il 19enne canadese è in vacanza a Panama, dove ha deciso di rifugiarsi insieme alla Jeffries e ad un gruppo di amici. Negli Stati Uniti, intanto, sono in molti a dirsi preoccupati per lui.

Boss in ansia. Dopo la madre, adesso è il turno di Lucian Grainge, boss della Universal, la casa discografica di Bieber, che, ascoltato da Billboard durante la cerimonia dei Grammy, ha dichiarato di essere in pensiero per la sua gallina dalle uova d’oro. "Sono molto preoccupato per lui e lo sono da parecchi mesi – ha detto Grainge - Lavoro molto da vicino col suo manager, Scooter Braun, che dovrebbe essere qui e invece adesso è con Justin. Il management, noi, questa cosa (l’arresto, ndr) non ha nulla a che fare con i dischi o con le pubblicazioni, questa è una cosa che ha a che vedere col giovanotto". Il discografico ha anche dato tutta la sua disponibilità affinché Bieber ritrovi la giusta serenità. "Lui ha bisogno di aiuto. C'è bisogno di un intervento. Noi gli daremo tutto l'appoggio possibile, come azienda, in modo da togliergli il più possibile la pressione in modo che poi possa guardare avanti. Quello che la gente non capisce è che ha 19 anni. Non si può prendere un tipo ed obbligarlo a fare qualcosa, se questa persona non è pronta. Tutti noi che siamo attorno a lui cercheremo di togliergli le pressioni di dosso e dargli supporto, in modo che possa occuparsi dei problemi che ha. Perché ne ha". Caro Lucian, probabilmente ci sei arrivato troppo tardi…

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Elisa
 
105 2k & More!
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Zucchero
 
Radio Festival
 
Zoo Radio
 
105 Miami
 
105 InDaKlubb
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 Classics
 
105 Story
 
MUSIC STAR Coldplay
 
Webradio 105 Rap Italia
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 Dance 90
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Prince
 

Podcast tutti

Playlist tutte