Ancora un processo per Justin Bieber

Il cantante è stato ascoltato ieri dalla polizia di Toronto in merito alla presunta aggressione di un autista di limousine avvenuta il mese scorso

Justin Bieber

Il cantante è stato ascoltato ieri dalla polizia di Toronto in merito alla presunta aggressione di un autista di limousine avvenuta il mese scorso

Bieber ancora nei guai. Justin Bieber si è costituito ieri alla polizia di Toronto, in Canada, a causa di un nuovo guaio con la giustizia. Il cantante 19enne, arrivato alla stazione di polizia tra due ali di fan urlanti e poi uscito due ore dopo, è accusato di aver aggredito un autista di limousine il mese scorso, secondo quanto riferito da un ufficiale di polizia che ha preferito restare anonimo. Naturalmente l’avvocato di Bieber ha dichiarato che il suo assistito è innocente e che si è recato dalla polizia proprio per chiarire ogni dettaglio della vicenda. "Il capo d’accusa è un reato minore – hanno spiegato i legali del cantante – La nostra posizione è che il signor Bieber è innocente. Visto che la vicenda è di responsabilità del tribunale, non riteniamo di entrare nelle specifiche del caso e della nostra difesa". Secondo la polizia di Toronto, un membro dell’entourage di Bieber avrebbe assalito, probabilmente su ordine del cantante, l’autista della limousine sulla quale l’artista viaggiava in compagnia di altre persone. Ieri Bieber si è recato alla stazione di polizia per fornire la sua versione dei fatti.

Cinquina di processi. Diventano dunque cinque i processi nei quali Bieber è attualmente coinvolto, in quattro città diverse. Oltre a quello di Toronto, il cantante dovrà rispondere dell’accusa di vandalismo davanti al tribunale di Los Angeles per aver lanciato uova e danneggiato così la casa del suo vicino in California. Sempre a L.A. c’è un paparazzo che gli ha fatto causa per aggressione (l’avrebbe fotografato mentre fumava marijuana). A Miami, invece, il cantante è sotto processo per guida in stato di ebbrezza e con patente non valida, oltre che per resistenza all’arresto.  Il governo tedesco, infine, ha avviato un procedimento amministrativo da migliaia di dollari per aver abbandonato una scimmia addomesticata all’aeroporto di Monaco di Baviera, dove l’animale era stato bloccato dai doganieri perché non accompagnato dalla necessaria documentazione sanitaria.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 Hits
 
105 InDaKlubb
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
105 Dance 90
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
Zoo Radio
 
105 Story
 
MUSIC STAR Vasco
 
Radio Festival
 
Radio Bau & Co
 
105 HipHop & RnB
 
105 Classics
 
MUSIC STAR Prince
 
105 2k & More!
 
MUSIC STAR Elisa
 

Playlist tutte