Eminem, "artista mondiale dell'anno". Dopo i One Direction.

Tornato in vetta alle classifiche internazionali con il nuovo best seller "The Marshall Mahers LP2", Slim Shady è al secondo posto della graduatoria ufficiale della IFPI

Eminem, "artista mondiale dell'anno". Dopo i One Direction.

Tornato in vetta alle classifiche internazionali con il nuovo best seller "The Marshall Mahers LP2", Slim Shady è al secondo posto della graduatoria ufficiale della IFPI

Eminem: “Artista dell’anno” per Youtube e la IFPI. Rompendo un silenzio iniziato tre anni fa e contrappuntato da voci che periodicamente lo davano per spacciato, Eminem ha scelto l’autunno 2013 per snocciolare i due singoli, vale a dire “Berzerk”, brano in puro hiphop muscolare “old school” prodotto dal leggendario Rick Rubin , e Rap God, manifesto di una longevità artistica certificata da oltre 200 milioni di dischi venduti in 17 anni di carriera e da un Premio Oscar (per il tema del film “8 Mile”), che lo hanno riportato, come del resto lui stesso aveva previsto, in cima alla vetta del music biz. Per ratificare questo nuovo exploit, peraltro proprio la notte della vigilia della pubblicazione in tutto il mondo di The Marshall Mathers LP 2, si è mobilitato il grande popolo della rete, quell’esercito di giovani e giovanissimi fruitori dei video musicali online (il 64 percento del quale, in USA, utilizzerebbe abitualmente la nota piattaforma di condivisione video di proprietà del colosso Google), il quale, in occasione della diretta mondiale della prima edizione dei Youtube Music Awards, ha eletto Slim Shady “Artista dell’anno” guadagnando una performance che ha folgorato tutti, pubblico a casa, celebrità convocate per la serata, Gaga inclusa, e persino l’illustre conduttore, il regista Spike Jonze. E ora che il 2014 è iniziato, a quel risultato incredibile, così come alle vendite – degne d’altri tempi (!) – di “The Marshall Mathers LP”, si aggiunge la classifica su scala mondiale della IFPI Global Recording Artist, che conferma Eminem al secondo posto (prima di Justin Timberlake, ma dopo i One Direction) dei “più venduti” del 2013.

I nuovi video di Eminem, la foto-story e la chance di vincere “The Marshall Mathers LP2”: clicca qui!


I segreti di “The Marshall Mathers LP2”. L’ottava fatica in studio di Eminem, “rivisitazione”, questa la parola scelta dal rapper, delle atmosfere del suo omonimo terzo capolavoro The Marshall Mathers LP (21 milioni di copie nel 2000), ha riportato i seguaci dell’hip hop agli sfarzi della “vecchia scuola”, quella che pionieri come Rick Rubin ed etichette discografiche come la Def Jam costruirono negli anni Ottanta con la complicità di artisti e crew leggendarie come Beastie Boys, LL Cool J e Public Enemy. Il sound perfetto? Flow inimitabile, incalzante, socialmente provocatorio e mai, come si dice Oltreoceano, “politically correct”, unito a un sound senza tempo che ai beat e ai campionamenti tipicamente hip hop intreccia soul classico e ruvidi riff rock’n’roll. Così sono nate canzoni come “Berzerk”, costruita sui “sample” di tre gemme del passato rock e rap (“The Stroke”, del rocker americano Billy Squirer, nonché “The New Style” e “Fight for Your Right”, entrambe prodotte da Rubin nel 1986 per l’album di debutto dei Beatie Boys “Licensed To Ill”), o “Love Game”, con il giovane fuoriclasse (compagno di etichetta di Slim Shady) Kendrick Lamar, o “Headlights”, in duetto con il leader dei Fun Nate Ruess, o ancora come The Monster, terza collaborazione (dopo “Love The Way You Lie”, del 2010, e “Numb”, del 2012) di Em con la più amata dai giovani di tutto il mondo, Rihanna. Il segreto del successo di questo volume 2, insomma, è lo stesso di 13 anni fa, quando il mondo impazzì per “The Marshall Mathers LP”: tutta la verità e nient’altro che la verità, senza sconti a niente e a nessuno, narrata con una raffica di rime caustiche scandite da una stella unica nella storia dell’hip hop che con il suo lavoro onora la storia gloriosa di questa cultura urbana. Il rap. Lo stesso rap che Marshall Mathers III, il ragazzo bianco cresciuto dall’asfalto del ghetto di Detroit, ascoltava sognando di diventare Eminem, il “Dio del rap”.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Pino Daniele
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Zucchero
 
105 Miami
 
Radio Festival
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 Dance 90
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
MUSIC STAR Vasco
 
MUSIC STAR Ligabue
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Coldplay
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Prince
 
105 Classics
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 Story
 
105 HipHop & RnB
 
105 2k & More!
 
Zoo Radio
 

Podcast tutti

Playlist tutte