I Radiohead guidano il fronte per la musica in carcere

I Radiohead, David Gilmour dei Pink Floyd e Johnny Marr degli Smiths hanno firmato una lettera aperta contro il divieto di possedere chitarre nelle prigioni britanniche

Thom Yorke, il leader dei Radiohead

I Radiohead, David Gilmour dei Pink Floyd e Johnny Marr degli Smiths hanno firmato una lettera aperta contro il divieto di possedere chitarre nelle prigioni britanniche

La lettera. Un gruppo di artisti che vede la presenza di David Gilmour dei Pink Floyd, l'ex chitarrista degli Smiths Johnny Marr, e Ed O'Brien e Philip Selway dei Radiohead, hanno firmato una lettera aperta, pubblicata dal Guardian, per permettere ai detenuti britannici di poter continuare a possedere delle chitarre anche dietro le sbarre. L'iniziativa è stata lanciata dal cantante e compositore Billy Bragg, che già nel nel 2007 aveva dato vita a Jail Guitar Doors, iniziativa voluta per fornire strumenti musicali per la riabilitazione dei detenuti. Ora Bragg e colleghi sono tornati a schierarsi in una lettera di protesta inviata al ministro della giustizia inglese, che nello scorso autunno ha vietato ai carcerati di tenere alcuni tipi di chitarre in prigione. "Come musicisti siamo preoccupati di sapere che alcune chitarre vengono vietate nelle carceri – si legge nella lettera aperta - Crediamo che la musica possa avere un ruolo importante nel processo di riabilitazione dei detenuti. E questa capacità sarà seriamente compromessa se i detenuti non hanno la possibilità di fare sessioni di gruppo".

Musicisti a supporto. I 12 musicisti che hanno firmato la lettera sostengono che l'idea del governo di autorizzare solo chitarre con corde in nylon sia impraticabile, visto che molti dei musicisti usano strumenti diversi, con le corde d'acciaio. Una decisione, quella del governo britannico, che, secondo i musicisti, anziché tutelare la sicurezza sta andando nella direzione opposta: "C'è stato un preoccupante aumento del numero di morti auto-inflitte nel periodo da quando è stata introdotto questo divieto. Dallo scorso mese di ottobre ci sono stati circa 50 suicidi, oltre il doppio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Vorremmo capire se le modifiche al trattamento dei prigionieri, che comprendono restrizioni sui libri e sugli strumenti a corda, possano essere alla base di questo aumento della mortalità".

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
105 Dance 90
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Elisa
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 HipHop & RnB
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Prince
 
105 Story
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 2k & More!
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Classics
 
105 InDaKlubb
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
Radio Festival
 
MUSIC STAR Coldplay
 

Playlist tutte