Music Biz

Sting: “Al Bataclan celebreremo la vita e la musica”

Tornato con il nuovo album “57th & 9th”, sabato sera il grande artista britannico terrà un grande concerto per la riapertura del teatro parigino a un anno esatto degli attentati del 2015.

Sting: “Al Bataclan celebreremo la vita e la musica”

Sting: “Non dimentichiamo i caduti”. Con l’uscita in tutto il mondo del nuovo album “57th & 9th”, Sting torna a parlare del Bataclan, il locale parigino nel quale nel 2015 si consumò una vera e propria carneficina e che sabato sera, il 12 novembre, lo vedrà protagonista sul palco per celebrare la riapertura ufficiale a un anno esatto dalla strage.

“In occasione della riapertura del Baraclan”, ha promesso Sting, “abbiamo due importanti compiti da assolvere. Primo, ricordare e onorare quelli che hanno perso la vita nell’attacco di un anno fa, e secondo celebrare la vita e la musica che questo storico teatro rappresenta. Nel fare questo, speriamo di rispettare la memoria ma anche l’amore per la vita di quelli che sono caduti. Non dobbiamo mai dimenticarli”.

Quel maledetto 13 novembre 2015.. L’indomani dell’attentato sanguinario del 13 novembre 2015, quando, durante un concerto degli Eagles of Death Metal 93 persone persero la vita per mano di una cellula terroristica dello Stato Islamico, il manager Dominique Revert fece una promessa: “Riapriremo, senza ombra di dubbio. Per qualche mese, per qualche anno, il nostro cuore sarà gonfio di dolore. Ma riapriremo. Non ci arrenderemo”. E così è stato.

Il Bataclan, rimesso a nuovo in tempo record, riapre i battenti questo sabato con l’attesissima esibizione di Sting. Così battezzato nel 1865 per evidenziarne l’atmosfera esotica ispirata all’omonima operetta di Offenbach rappresentata per la prima volta dieci anni prima, il caratteristico edificio situato nell’XI arrondissement parigino, al civico 50 di Boulevard Voltaire, ha vissuto diverse stagioni.

Edificato dall’architetto Charles Duval, la destinazione originaria a sala da concerto ha lasciato il posto, nel ’26 al ’69, periodo durante il quale il teatro subì un grave incendio, a una sala cinematografica, per poi tornare a essere quello che ora, un palcoscenico deputato alla musica che il governo francese ha dichiarato monumento storico nel 1991.

In cartellone, dopo l’imminente inaugurazione di Sting, uno show il turbolento Mr. Doherty (il 16 novembre), peraltro autore di un brano, “Pay at the Gates of Heaven”, dedicato proprio agli attentati di quella notte nella capitale francese, seguito da altri importanti appuntamenti live, da Youssou Ndour all’Inrock Festival e dal top dj Laurent Garnier a Marianne Faithfull.

  “57th & 9th”, il nuovo album di Sting. 14esima fatica in studio della carriera solistica dell’ex frontman dei Police decollata 25 anni fa, “57th & 9th” rappresenta il ritorno di Sting al rock artigianale e alle contaminazioni stilistiche che hanno sempre contraddistinto la produzione della superstar britannica.

Anticipato dal singolo "I Can’t Stop Thinking About You", “57th & 9th” è stato realizzato in uno studio del quartiere di Hell's Kitchen, tra la 57esima Strada e nona Avenue (da qui il titolo), e vanta collaborazioni importanti, ma tutt’altro che convenzionali, da quella con il produttore Martin Kierszenbaum, artista già al fianco di Sting e di altri numeri uno del music-biz come Lady Gaga, Keane e Tokio Hotel, a quelle con il batterista Josh Freese (Nine Inch Nails e Guns’n’Roses’), con il chitarrista (e compositore) californiano Lyle Workman e con i Last Bandoleros, band “Tex Mex” di San Antonio.

“La mia idea”, ha spiegato l’artista britannico, “è di cercare sempre di sorprendermi e sorprendere le persone con cui lavoro, e, spero, gli ascoltatori. (‘57th&9th’) Parla della ricerca e del viaggio, della strada che porta verso l’ignoto. In questo album ci siamo ritrovati a creare qualcosa di forte, rumoroso, ma anche di meditato”.

A 65 anni compiuti il 2 ottobre, Sting ha venduto quasi 100 milioni di album in tutto il mondo rastrellando 10 Grammy Award, ha scritto due libri, uno dei quali è l’autobiografia bestseller “Broken Music”, ha recitato in 15 film e si è distinto, oltre che per il suo amore per l’Italia, per la natura e per il buon vino (!), per il suo impegno sociale e per la lunga lotta per la salvaguardia della foresta amazzonica e delle tribù che la abitano. “57th & 9th” atterrerà nei negozi l’11 novembre nelle versioni Standard, Deluxe con 3 bonus track e le note scritte da Sting, nonché Super Deluxe con Dvd allegato.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

Radio Festival
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Elisa
 
MUSIC STAR Prince
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
105 Dance 90
 
105 Hits
 
105 Classics
 
105 HipHop & RnB
 
105 InDaKlubb
 
Webradio 105 Rap Italia
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 Story
 
Zoo Radio
 
105 2k & More!
 
MUSIC STAR Coldplay
 

Playlist tutte