Music Biz

Renato Zero: 5 curiosità sul grande cantautore romano

In vista della sua ospitata a 105 Mi Casa, con tanto di video diretta su 105.net, vi proponiamo 5 interessanti aneddoti sull'incredibile carriera di questo artista.

Renato Zero: 5 cose curiosità sul grande cantautore romano

Renato Zero è una delle voci più amate della musica italiana. La sua carriera comincia a Roma, negli Anni ’60, tra cinema e musica. Un percorso che lo porterà a essere uno dei personaggi più noti del mondo dello spettacolo italiano. E non solo, come raccontano queste cinque curiosità sulla sua incredibile carriera.

1) Il regista americano Tim Burton è un fan di Renato Zero. Quando stava lavorando con Johnny Depp al film "La fabbrica di cioccolato" chiese all’attore di ispirarsi proprio a Renato Zero per il suo Willy Wonka. Tim Burton e Renato Zero si erano conosciuti qualche anno prima, quando Renato Zero aveva partecipato alla versione italiana di "Nightmare Before Christmas", che Burton aveva prodotto, doppiando il personaggio di Jack Skeletron.

2) I fan di Renato Zero all’inizio non si chiamavano sorcini ma zerofolli. Fu poi proprio Renato Zero a inventarsi la parola sorcini. Dove? A Viareggio, primi Anni ’80, ne vide un nugolo seguirlo in motorino, e disse per la prima volta: "Sembrano tanti sorci". Da allora, Renato Zero è diventato il Re dei sorcini. A loro ha dedicato due canzoni, "I figli della topa" e "A braccia aperte", e anche un evento, le Sorciadi.

3) Renato Zero è un artista eterno, c’è un record a dimostrarlo: è l’unico ad essere stato in testa alle classifiche di vendita ufficiali della FIMI per ben cinque decenni consecutivi. Merito di 38 album, 28 in studio e 7 live, più 3 raccolte, un totale di 500 canzoni e quasi 50 milioni di dischi venduti. Pochissimi in Italia possono vantare numeri del genere.

4) Da ragazzo frequentava l’Istituto di Stato per la Cinematografia e la televisione Roberto Rossellini, a 16 anni decise di smettere e dedicarsi al canto. Uno dei primi contratti fu con Don Lurio, che lo notò in una serata romana e lo fece entrare nel corpo di ballo di Rita Pavone.

5) Renato Zero non sempre ha avuto un rapporto facile con il Festival di Sanremo. Per tutti i primi anni della sua carriera, non fu mai invitato all’Ariston, né come Big né come ospite. Dovette aspettare gli Anni ’90 per essere incluso nella gara canora italiana più importante. Nel 1991 presentò al Festival "Spalle al muro", con un testo di Mariella Nava. Quell’edizione, condotta da Andrea Occhipinti ed Edwige Fenech, fu vinta da Riccardo Cocciante.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Elisa
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 InDaKlubb
 
105 Miami
 
Radio Festival
 
105 Story
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Dance 90
 
105 Classics
 
Radio Bau & Co
 
105 2k & More!
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
MUSIC STAR Coldplay
 
105 HipHop & RnB
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Vasco
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Prince
 
105 Hits
 

Playlist tutte