L'intervista

I Bluvertigo hanno presentato il singolo Andiamo a Londra a 105 Mi Casa

Morgan: "X Factor? Sono stato bravo, infatti mi hanno licenziato”

Bluvertigo

I Bluvertigo sono stati ospiti del programma 105 Mi Casa condotto da Max Brigante. Durante la chiacchierata la band, oltre ad aver lanciato il nuovo singolo Andiamo a Londra, ha parlato anche dell’album in uscita nel 2016 e che si dovrebbe intitolare Tuono-Tono, Tempo, Suono. Ma il grande mattatore dello show radiofonico è stato Morgan che non ha risparmiato qualche commento sul talent show che per anni l’ha visto protagonista: X-Factor.

 

Max Brigante: I Bluvertigono come stanno?

Bluvertigo: Ci stanno dentro di brutto!

 

MB: Il vostro nuovo album, che si dovrebbe chiamare Tuono-Tono, Tempo, Suono ed è stato anticipato dal singolo Andiamo a Londra, ha già una data di uscita?

BV: Ci stiamo ancora lavorando ma il disco dovrebbe uscire all’inizio del 2016.

 

MB: A un certo punto i fan hanno temuto che i Bluvertigo non ci fossero più? Avete vissuto questo momento?

BV: Effettivamente c’è stato un momento di congelamento.

 

MB: Vi siete poi ritrovati. E’ stata anche per voi una sorpresa?

BV, MORGAN: Si, ci stiamo riconoscendo. Noi ci sorprendiamo quotidianamente. Anche in una coppia a tenere vivo il rapporto è il meravigliarsi l’un l’altro, il sorprendersi a vicenda, il conquistarsi in ogni cosa che si fa, non dare per scontato che ci si sia conquistati. Diversamente il rapporto finisce.

MB: Come è stato tornare a creare musica insieme?

MO: Non c’è una modalità standard. Ogni volta ci si presenta un aspetto nuovo, una questione nuova sia nel bene che nel male.

 

MB: Quando siete usciti a metà anni ’90 avete sorpreso tutti con sonorità nuove e sperimentali. Anche in questo disco troveremo qualcosa di nuovo?

MO: Ovvio! Abbiamo deciso di riunirci ancora solo per via della freschezza del materiale che ci siamo proposti. Non c’è altro motivo. Certo c’è stato anche il desiderio, dopo tanti anni, di trovarsi anche a livello personale e non solo professionale. Credo, però, che a farci tornare a lavorare insieme sia stato l’interesse a realizzare determinate ricerche artistiche e a cercare specifici livelli di sperimentazione e di azzardo musicale.

 

MB: Si può dire che i Bluvertigo sono una band che si è riformata?

MO: Non si è mai formata. Quindi non può riformarsi.

 

MB: Morgan, hai per caso visto la prima puntata di X-Factor?

MO: No, no l’ho vista ma mi hanno detto tutti che è stata…bellissima. Mi hanno detto tutti che senza di me è…bellissima. Io immagino che sia…bellissima. Quelli di X-Factor mi stanno proprio…simpaticissimi.

 

MB: Per quanti anni sei stato protagonista di X-Factor?

MO: Credo per 7 anni e se non sbaglio ho vinto 6 edizioni. Non so non tengo il conto. Voglio sottolineare un dato poco importante: sono nel Guinness dei Primati come uomo che ha vinto più talent show nel mondo.

 

MB: Davvero?

MO: sono stato bravo, infatti mi hanno licenziato.

 

MB: Ti dispiace non essere più un giudice di X-Factor?

MO: No. Non mi dispiace perché quello che sto vedendo è un prodotto stupendo, un prodotto della mia assenza. Saluto Mara Maionchi e Simona Ventura. Scusate, ma se i giudici non sono più Morgan, Mara e Simona Ventura hanno ancora il coraggio di chiamare il programma X-Factor?

 

MB: Fuori onda hai raccontato un aneddoto che ti riguarda con protagonista Claudio Baglioni…

MO: Claudio Baglioni, uno dei più grandi musicisti italiani, mi disse una volta: “Per la prima volta c’è in televisione uno come te che racconta la musica. Non la suona non ne parla ma la racconta. Ci metti passione e per questo motivo io ti guardo volentieri”. Mi sono sentito molto lusingato da queste parole.

 

MB: Torniamo ai Bluvertigo. A gennaio del 2016 dovrebbe uscire il vostro nuovo album. Il titolo dovrebbe essere quindi Tuono-Tono, Tempo, Suono. A proposito di titoli di album: l’altro giorno è stato mio ospite Robin Thicke. Mi ha detto che il titolo di un disco non è mai certo fino a quando l’album non è stampato. Perché se il giorno prima dell’uscita ti viene in mente un titolo più bello…

MO: Sfido Robin Thicke ad aver un titolo migliore di Tuono-Tono, Tempo Suono. Rifletti su questo fatto. Un musicista, soprattutto rock, lavora sul tono nel momento in cui deve utilizzare dei campionamenti, quando deve trasporli nella giusta tonalità. Quando invece deve prendere dei loop realizzati per esempio con l’iPad oppure deve metterli a tempo con una batteria elettronica fa quello che si chiama stretching del tempo, ovvero lavora sul ritmo, sul tempo. Quando invece mixa si concentra sul suono. Quindi tono, tempo, suono sono le attività primarie utilizzate nella costruzione della musica. Praticamente: tutte e tre queste parole anche dal punto di vista fonetico vengono riassunte, quasi “morfizzate” da una parola unica che le comprende tutte e tre e che è tuono. Non a caso il tuono è luce e suono insieme.

 

MB: Farete anche un tour il prossimo anno?

MO: Così sembra. Noi ci divertiamo parecchio a suonare dal vivo.

 

 

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 Hits
 
105 HipHop & RnB
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 2k & More!
 
MUSIC STAR Prince
 
105 InDaKlubb
 
Zoo Radio
 
105 Classics
 
Radio Festival
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Miami
 
105 Dance 90
 
105 Story
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Vasco
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 

Playlist tutte