Finale: impennata di ascolti. Vince Cristicchi, secondo Albano, terzo Mazzocchetti

Il trionfatore Simone Cristicchi
Pippo Baudo ha vinto la scommessa. La finale del suo Festival di Sanremo, il dodicesimo, ha raccolto una media di 10 milioni 580 mila spettatori, il 54,27% di share, cioè poco meno dell'edizione record di Paolo Bonolis. La serata, lunghissima, è finita, come molti si aspettavano, con la vittoria meritatissima e ormai prevedibile di Simone Cristicchi, autore e interprete della commovente Ti regalerò una rosa, il brano dedicato "ai matti", a quelli che stanno "dall'altra parte del cancello. Ed è a loro che il giovane divo di Vorrei cantare come Biagio ha dedicato l'ambìta statuetta. Anzi tre statuette, perchè a Simone sono andati anche il premio della Sala Stampa Radio Tv e, proprio come è stato per il vincitore della sezione Giovani Fabrizio Moro, il premio Mia Martini della Critica. Insomma Cristicchi ha emozionato e messo d'accordo tutti, vip della Giuria di qualità inclusi.

La 57esima edizione del Festival di Sanremo incorona dunque due cantautori della nuova generazione, entrambi socialmente impegnati, entrambi attuali, ed entrambi in gara con un recitativo scandito da un ritornello indelebile che esplode dopo un crescendo "parlato". E' questa la nuova cifra stilistica della musica italiana? Non esattamente, se si pensa che il secondo e il terzo posto, rispettivamente assegnati ad Albano e all'emigrante Piero Mazzocchetti, rappresentano il trionfo della melodia nostrana e, è il caso di dirlo, della "vecchia scuola".

Al quarto posto si è classificata La Paranza di Daniele Silvestri, al quinto Mango, al sesto Meneguzzi, al settimo Tosca, all'ottavo il duo padre-figlio Facchinetti, al nono gli Zero Assoluto e solo al decimo Antonella Ruggiero con la sua Canzone fra le guerre, un brano difficile, intenso, poco adatto alla kermesse canora della città dei fiori, ma eseguito, specialmente sabato sera, con inopinabile maestria. Poi, dall'undicesima alla ventesima posizione, ci sono tutti gli altri, dalla pantera Milva ai ruspanti fratelli Bella e dal garibaldino Paolo Rossi agli Stadio. Ma come è andata questa finale?

E' filato tutto liscio, anche se il pubblico ha dovuto fare a meno di Fiorello, che invece aveva promesso alla stampa una sorpresona (!), e della Littizzetto. Mike Bongiorno ha fatto da apripista guadagnandosi simbolicamente la dodicesima conduzione del Festival, e i super ospiti, la soul-diva Joss Stone e la rivelazione Mika, hanno portato sul palco un po' di "groove" e di intrattenimento di respiro internazionale. La gara si è consumata senza intoppi, i venti Campioni si sono avvicendati dando - chi più e chi meno - il meglio di se, ma è l'idea di avere sul palco una Giuria di qualità formata da personaggi che con la musica hanno ben poco a che vedere, che non sembra abbia contribuito a dar lustro a questo Festival. Fatta eccezione per Dj Coccoluto, che ha cortesemente - e coerentemente (!) - rifiutato l'appellativo di "maestro" rivoltogli dal conduttore, e Serena Autieri, che sul palco dell'Ariston ci ha cantato davvero, non si capisce a chi possa interessare un giudizio sulla qualità musicale o interpretativa dei Campioni espresso da Giancarlo Magalli, della giornalista Barbara Palombelli, dell'attore Masimo Ghini, o ancora della super maggiorata Alba Parietti. E infatti ci sono stati più fischi del pubblico che motivazioni dei giurati eccellento, e Baudo ha dovuto ricordare un'infinità di volte che quel voto valeva solo il 20 percento del giudizio complessivo.

Piacevoli le gag di Chiambretti, che insieme alla non ammessa alla gara Simona Cipollone ha invitato il direttore di Rai Uno Fabrizio Del Noce a unirsi a un esilarante rito propiziatorio "affinchè il Festival non duri più di cinque ore", e dell'attore e conduttore Flavio Insinna, la rivelazione-Rai del 2006, che ha giocato con Baudo e strimpellato il sax guadagnandosi, ancora una volta, la simpatia del pubblico. Promossa a pieni voti anche Michelle Hunziker, più bella che mai nelle mise firmate Giorgio Armani, che ha dimostrato di essere una brava showgirl e, complice quella brutta caduta sul palco, una fuoriclasse di simpatia e spontaneità. Tanto che c'è già chi scommette su un suo futuro alla Rai.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Zucchero
 
105 Story
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Prince
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 InDaKlubb
 
Radio Bau & Co
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Elisa
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 Classics
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 Dance 90
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 Miami
 
Radio Festival
 
105 2k & More!
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 

Playlist tutte