Benigni attacca Berlusconi. E rende omaggio all’omosessualità.

Roberto Benigni, classe 1952
Finalmente un po' di swing. Grazie a Renga, che se forse non ha scelto la canzone giusta, vanta un primato sui concorrenti che l’hanno preceduto: sa cantare. E grazie al ciclone-Benigni, che irrompe sul palco del teatro Ariston come un fulmine a ciel sereno. Al Premio Oscar per “La vita è bella”, si sa, piace scaldarsi con l’attualità, la politica, il sesso. E qualche istante dopo aver pronunciato le fatidiche parole “Non voglio parlare di Berlusconi, si rivolge al presidente del Consiglio, e gli dice: “Silvio, diventa un mito e fa’ come Mina: sparisci”. Una battuta, questa che poche ore dopo diventerà oggetto di una denuncia alla magistrature contro la Rai annunciata dal presidente dei senatori del Pdl Maurizio Gasparri. La vera sorpresa, tuttavia, è un’altra. E’ una missiva toccante di Oscar Wilde all'amato che “Il piccolo diavolo” del cinema italiano recita con grazia e misura impareggiabili, restituendo così dignità mediatica all'omosessualità sullo stesso palco sul quale Povia canterà la controversa “Luca era gay”.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 Classics
 
MUSIC STAR Prince
 
105 Miami
 
105 Hits
 
Webradio 105 Rap Italia
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 Dance 90
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Vasco
 
MUSIC STAR Elisa
 
MUSIC STAR Coldplay
 
105 2k & More!
 
Radio Festival
 
105 InDaKlubb
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 Story
 

Podcast tutti

Playlist tutte