Sanremo da record: oltre il 48 percento di share per il "Festival tecnico"

Adriano Celentano sul palco dell'Ariston
Sono oltre 14 milioni gli ascoltatori che si sono sintonizzati ieri sera sulla prima serata del Festival di Sanremo, decretando una partenza col botto per la 62ma edizione della kermesse canora e per Gianni Morandi, che con il 50 per cento di share supera se stesso. È polemica tuttavia sull’apparizione di Adriano Celentano. Il molleggiato spara a zero su tutto e tutti, a partire dalle testate Famiglia Cristiana e L’Avvenire, per arrivare a scagliarsi contro la Consulta che ha bocciato il referendum sulla legge elettorale, senza risparmiare inoltre il direttore generale della Rai Lorenza Lei, il presidente Monti, la Merkel e Sarkozy, Montezemolo e persino il critico televisivo Aldo Grasso.
Fra accuse ed esibizioni, Celentano sfora il tempo a disposizione “rubando” parte dello spazio destinato alle esibizioni degli 8 Giovani (selezionati tramite Sanremo Social e Area Sanremo) che verranno recuperate questa sera. Ma questo non è l’unico inconveniente della serata: un guasto tecnico occorso al sistema di voto della giuria demoscopica fa sì che nessun cantante venga eliminato (il regolamento prevedeva nella serata di martedì l’eliminazione di due big) e costringe all’annuncio, seguito da boati di disapprovazione da parte di pubblico e giurati, che i 14 big si riesibiranno stasera quando fra loro ne verranno eliminati 4 al posto di due come annunciato in precedenza. Ciliegina sulla torta è infine l’assenza della modella Ivanka Mrazova, trattenuta a letto da una cervicale e sostituita all’ultimo momento dalle due vallette dello scorso anno, Belen Rodriguez ed Elisabetta Canalis, la cui presenza era inizialmente prevista per stasera. La musica non è stata dunque la grande protagonista della serata, che si è aperta con l’arrivo sul palco di un’aggressiva Dolcenera. È stato poi il turno del più pacato Samuele Bersani, in veste di calciatore, nel brano “Un pallone”, seguito dalla star di X Factor Noemi che ha stupito il pubblico con una nuova chioma rosso fuoco, in gara con il brano “Sono solo parole”. “La tua bellezza” è il titolo del brano intonato da Francesco Renga, che non differisce molto nello stile dai precedenti brani portati al Festival dal cantante bresciano. “Al posto del mondo” è la canzone presentata dalla jazzista di fama internazionale Chiara Civello. La grinta irrompe sul palco dell’Ariston con “Il mio grande mistero” di Irene Fornaciari e con “Non è l’inferno” di Emma Marrone, probabile vincitrice di questa edizione della kermesse secondo le previsione dei bookmaker. Il Festival lascia poi spazio alla musica indipendente con i Marlene Kuntz e il loro brano “Canzone per un figlio” seguiti da Eugenio Finardi (che riporta in ballo la religione con il brano “E tu lo chiami Dio”) e dall’attesa performance della “strana coppia” formata da Gigi D’Alessio e da una Loredana Bertè, che scrivono alcuni maligni su Facebook, “pare una versione femminile di Micky Rourke”. Gesti e movenze della defunta Amy Winehouse vengono riportati in vita da Nina Zilli nel brano dal sapore Sixties “Per sempre”, mentre Lucio Dalla sale sul palco dell’Ariston per dirigere l’orchestra durante l’esibizione di Pierdavide Carone che interpreta “Nanì”, storia dell’amore di un giovane per una prostituta. Arisa, altra favorita fra i big, presenta il delicato brano “La notte”. I Matia Bazar chiudono senza grosse sorprese le esibizioni della schiera dei big nel brano “Sei tu”.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Elisa
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 HipHop & RnB
 
Webradio 105 Rap Italia
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 Miami
 
Radio Festival
 
MUSIC STAR Coldplay
 
105 Classics
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Prince
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 2k & More!
 
105 Dance 90
 
Radio Bau & Co
 
105 Story
 
XMas Radio
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 

Playlist tutte