SPECIALE

Duran Duran

Le immagini di Simon Le Bon, Nick Rhodes, John Taylor e Roger Taylor, le nuove collaborazioni e la chance di vincere il nuovo album “Paper Gods”.

Duran Duran

“Paper Gods”, la nuova scommessa dei Duran Duran. E’ il loro 14esimo album in studio, certamente il disco più atteso dell’anno, arrivato ben cinque anni dopo il successo del precedente “All You Need Is Now”. Ed è proprio da quell’esperienza condivisa con il super produttore Mark Ronson, che Simon Le Bon, Nick Rhodes, John Taylor e Roger Taylor, ancora affiatatissimi dopo 37 anni di carriera e oltre 100 milioni di album venduti in ogni angolo del pianeta, sono partiti nel 2013. Imbastendo una trama pop che assorbe dance, funk muscolare, alchimie elettroniche e quel vibrante rock “new romantic” che li ha resi unici, inimitabili e inossidabili nel corso degli ultimi quattro decenni.

Tutte le stelle di “Paper Gods”. Segno dei tempi, e complici gli impegni di Mr. Ronson, a sua volta assorbito da altri artisti e se stesso (nel riuscitissimo progetto “Uptown Special”), i Duran Duran hanno coinvolto per la prima volta un grande team di collaboratori, senza però sacrificare un’oncia della propria identità, anzi. E se con Ben Hudson (frontman dei Mr. Hudson che in passato ha collaborato con icone del calibro di Jay-Z ed Amy Winehouse), anch’egli di Birmingham, hanno respirato aria di estrema libertà espressiva, con il leggendario Nile Rodgers, ex Chic tornato in auge in questi anni grazie a Daft Punk, Pharrell Williams e tante altre icone della musica, hanno potuto evocare le meraviglie funk di “Notorious”, album culto uscito nella seconda metà dei ruggenti anni Ottanta. Ma in “Paper Gods”, album sofisticato e calibratissimo che condensa magicamente l’universo-Duran Duran anche nella copertina realizzata dall’artista visuale Alex Israel assemblando diversi simboli della storia gloriosa del gruppo, c’è ancora di più: ci sono le voci di due fuoriclasse della nuova scena musicale a stelle e strisce, Keisza e Janelle Monae; c’è la chitarra del mitico John Frusciante, “un musicista”, ha detto Simon Le Bon, “che non teme nulla”; e c’è persino un “rap” della turbolenta Lindsay Lohan in “Danceophobia”. Risultato: un nuovo successo, il quattordicesimo dal lontano 1981, anno di pubblicazione del primo “LP”, peraltro già in tour in giro per il mondo. La saga continua..

Visita il sito ufficiale

Visita il sito Warner Music

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 Story
 
105 2k & More!
 
105 HipHop & RnB
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Vasco
 
Webradio 105 Rap Italia
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Prince
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Elisa
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 Classics
 
Radio Bau & Co
 
105 Dance 90
 
105 Miami
 
Radio Festival
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
Zoo Radio
 

Playlist tutte