Tutto News

In viaggio con lo smartphone

Come utilizzare il telefono all’estero senza inconvenienti e senza costi aggiuntivi

Smartphone in viaggio

Quando si viaggia all’estero l’uso del telefono è una delle incognite che attanaglia i turisti, i businessman e tutti i viaggiatori in generale. Quando si viaggia, soprattutto oltreoceano, si va spesso in confusione con roaming dati, frequenze GSM e compagnie di telefonia del nuovo Paese, rischiando di spendere parecchi soldi. E’ comunque necessario che il telefono funzioni: questa guida può salvarvi portafoglio e comunicazione. Ecco le risposte alle domande più frequenti.

Il mio telefono funzionerà oltreoceano?

Il telefono deve essere compatibile con le frequenze del Paese che si visita. La frequenza più comune è la GSM, ma in alcuni paesi come gli Stati Uniti viene utilizzata quella CDMA, ed è quindi improbabile che il telefono funzioni. Successivamente, dopo aver stabilito la compatibilità della frequenza, bisogna assicurarsi che il telefono riceva messaggi, telefonate e la connessione 3G: sono attivi se il telefono è “quad band”, cioè può funzionare con le quattro frequenze GSM utilizzate dai diversi provider di servizi di telefonia, cioè 850/900/1800/1900 MHz. Se il telefono le supporta, funzionerà ed è possibile passare alla domanda successiva. (Qui, la lista delle frequenze utilizzate nei vari continenti).

Cosa significa telefono sbloccato?

Una delle domande che ci si pone raramente, ma utile quando si viaggia. Quando si possiede un telefono ottenuto con sconti o gratuitamente a fronte di un piano tariffario stipulato con una compagnia telefonica, è possibile che abbia il network bloccato. Questo significa che la compagnia previene l’utilizzo del telefono al di fuori del proprio network: con questo tipo di cellulari si paga un roaming rate alla compagnia dall’estero, dal minuto in cui si giunge a destinazione a quello in cui si torna a casa. Con un telefono sbloccato è possibile invece usarlo ovunque, sostituendo la SIM card con una SIM locale. La buona notizia è che questo tipo di smartphone è più comune negli Stati Uniti e in Australia rispetto all’Europa.

Il roaming è davvero così costoso?

Sì. Il piano tariffario non è generalmente compatibile fuori dal Paese di provenienza, per cui si paga molto di più ogni volta che si effettua una chiamata, si invia un messaggio o si utilizza la connessione a internet.

Il mio telefono è sbloccato: e ora?  

Comprare una SIM nel Paese ospitante è molto più economico: il costo di una scheda parte dai dieci dollari pressoché in tutto il mondo ed esistono anche piani giornalieri o settimanali per chi si ferma per breve tempo.

Il mio telefono non funziona comunque. Cosa posso fare?

Se il telefono non vuole proprio funzionare è possibile utilizzare la connessione Wi-Fi e scaricare le apposite App “offline travel” che possono essere usate anche quando non c’è segnale.

Eccole l'elenco delle migliori: LE MIGLIORI APP

 

 

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 HipHop & RnB
 
Webradio 105 Rap Italia
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Prince
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 Story
 
Radio Festival
 
105 2k & More!
 
XMas Radio
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Vasco
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
105 InDaKlubb
 
105 Dance 90
 
Radio Bau & Co
 
105 Classics
 
Zoo Radio
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Zucchero
 

Playlist tutte