Tutto News

La cosa che ci ha insegnato nostra madre e per cui dobbiamo dirle “grazie”

Non la scuola, non la vita, non il lavoro. C’è una cosa che solo la mamma ci ha dato. E che è fondamentale

La cosa che ci ha insegnato nostra madre e per cui dobbiamo dirle “grazie”

Questo articolo andrà probabilmente controcorrente rispetto ai classici canoni che vedono la mamma come protettrice a spada tratta della prole. Non vuole parlare di quanto bene possiamo volere alla mamma, perché è scontato, normale, istintivo, naturale. Non vuole nemmeno sfoderare il classico confronto mamma/papà.

Vuole solo esprimere gratitudine verso una cosa che la mamma ci ha insegnato, ma che non sappiamo di aver preso da lei: la capacità di esseri liberi e di lasciar andare. Via. Lontano. Ma come? Proprio la mamma che mi imbottirebbe di cibo, la mamma che a diciotto anni mi chiamava al telefono il sabato sera per sapere dove stavo? La mamma che combinavo marachelle e mi tirava uno scappellotto? Proprio lei.

La donna che alleva i figli senza voler nulla in cambio, con il cuore che esplode di gioia solo per il fatto di vederli crescere. Che li guida, ma non li spinge verso la direzione che magari lei vorrebbe. La mamma che dopo anni di sforzi e duro lavoro per formarci nelle persone che siamo, ci vede prendere il pacchetto di valori che ci ha trasmesso e uscire di casa. Proprio quella signora che si dice faccia di tutto per tenere i figli a casa, ma sa che l’amore è libertà prima di tutto.

Quello che non ci insegna la scuola, né tantomeno il posto di lavoro o le nostre relazioni sentimentali è un punto che solo la mamma ci può regalare: è la consapevolezza di poter dare, di dover donare qualcosa agli altri, facendolo con discrezione e senza aspettarsi indietro niente. La libertà totale è saper dare senza interessi, perché è proprio da quell’aspettativa che nascono le complicazioni. I litigi. La mancanza di fiducia. I ponti che crollano. La libertà di non voler indietro nulla perché si basta a sé stessi ma la libertà di pensiero allo stesso tempo, consapevoli di aver fatto la cosa giusta. Di non peccare di egoismo.

Nell’era dei trasferimenti di massa all’estero, degli studenti sempre più fuori sede, degli stage dall’altra parte del mondo o del Paese: questo è il distacco che le madri sanno affrontare pensando al bene del proprio figlio e nient’altro che a quello. Che è un po’ quello che andrebbe ricordato nei rapporti di amicizia o amore: nessuno può essere trattenuto, nessuno ci possiede, e soprattutto gli affetti non possono essere soggetti a diritti di prelazione o proprietà. Gli affetti li dobbiamo ricambiare e per loro dobbiamo volere il meglio, senza rivendicare ciò che finora abbiamo fatto.

Un ringraziamento doveroso va alla madri che ci insegnano a essere liberi e a rendere liberi, senza smettere di amare nemmeno per un attimo. E’ lì che si crea la felicità dei rapporti veri, che restano senza l’imposizione di nessuno. Il lusso di non volere niente in cambio perché si è a posto così. E la conferma che chi ci sta intorno, è perché lo vuole davvero. Perché siamo noi stessi, nel nostro habitat, perché ci mostriamo per quello che siamo e perché se l’indipendenza suscita stima una ragione ci sarà.

Oggi, la mamma, abbracciatela.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 Classics
 
105 2k & More!
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 Story
 
MUSIC STAR Ligabue
 
Radio Festival
 
MUSIC STAR Zucchero
 
105 Dance 90
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Vasco
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Prince
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 HipHop & RnB
 
105 Hits
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
Radio Bau & Co
 
Webradio 105 Rap Italia
 

Playlist tutte