Tutto News

Perché gli studenti poco brillanti hanno successo nella vita

Voti bassi a scuola, ma carriere prestigiose. Due nomi su tutti: George W. Bush e Steve Jobs

Perché gli studenti poco brillanti hanno successo nella vita

Mentre consegnava le lauree ai neo-laureati della Southern Methodist University, l’ex presidente degli Stati Uniti George W. Bush si è complimentato con gli studenti più brillanti, che vantavano i voti più alti. A chi invece si è laureato con voti più bassi ha detto: “complimenti anche a voi, che potrete diventare presidenti”.

La battuta era rivolta anche a sé stesso, visto che Bush junior non è uscito dal college con voti al top: eppure… è l’ex presidente degli Stati Uniti d’America. Insieme a lui, anche John F. Kennedy e Lyndon B. Johnson fanno parte della schiera di potenti che a scuola non eccellevano. Il fenomeno non si riscontra solo nelle cariche governative: basti pensare a Steve Jobs, che ha lasciato presto la scuola, come hanno fatto Bill Gates e Mark Zuckerberg.  

Sono molti gli imprenditori di successo diventati miliardari nonostante le grigie aspettative generate delle loro carriere scolastiche: ciò significa che anche se l’istruzione è importante, non è certo l’unica strada per compiere grandi cose.

L’astrofisico Neil deGrasse Tyson, della University of Massachusetts Amherst, ha spiegato la stessa cosa ai laureandi nonostante sia parte di un corpo accademico: “I vostri voti saranno totalmente irrilevanti nella vostra vita. Non vi definiranno come persone e non si ripercuoteranno minimamente su quello che siete, siete stati o sarete”, ha spiegato durante la cerimonia di fine anno.

Perché? Perché mentre l’intelligenza è soggettiva, i risultati accademici sono il risultato di un’operazione su un sistema già costruito: basta infatti applicare ciò che viene appreso. Sono il carattere, le esperienze e le relazioni interpersonali che determinano la direzione delle nostre vite.

Più che lo studio, sono la passione, la perseveranza, l’intelligenza emozionale e l’empatia che ci costruiscono come persone, ma soprattutto la capacità di capire il valore del fallimento. Ecco il motivo dei milionari poco secchioni: sanno cosa significa partire svantaggiati agli occhi della società e superare ostacoli e momenti molto duri, in cui nessuno crede in quello che sei. Ma nonostante tutto, si tratta di persone chenon si arrendono e non smettono mai di imparare: non dai libri di scuola, ma da sé stessi.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

Webradio 105 Rap Italia
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
Radio Festival
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 Classics
 
Radio Bau & Co
 
105 Dance 90
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 Story
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Prince
 
105 Hits
 
105 2k & More!
 
105 InDaKlubb
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Vasco
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Zucchero
 

Podcast tutti

Playlist tutte