La scienza ci spiega perché l'amore ci fa soffrire così tanto

L'attività celebrale quando ci si lascia è più attiva in due zone, e una studiosa la chiama "frustration attraction".

La scienza ci spiega perché l'amore ci fa soffrire così tanto

Tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo sofferto per amore.

Non c’è certo bisogno che la scienza ci venga a dire che questo accade, ma ci può spiegare per quale motivo – chimico e fisico – succede.

Gran parte della carriera di studiosa dell’antropologa e psicologa Helen Fisher si è infatti concentrata sullo studio della sofferenza che tutti i cuori spezzati hanno conosciuto.

In una delle sue ultime ricerche ha sottoposto a uno scan celebrale 15 ventenni che si erano appena separati dalla persona amata, con cui avevano intessuto una relazione di almeno 21 mesi.

La risonanza magnetica funzionale può individuare anche i più piccoli cambiamenti del cervello; dove c’è un rinforzo dell’attività cerebrale, lì c’è maggior bisogno di glucosio e ossigeno e, quindi, di un maggior apporto di sangue.

I risultati dei test hanno rilavato che l’attività più intensa era localizzata nell’area tegmentale ventrale del cervello o VTA. È la zona in cui si concentrano le sensazioni legate all’innamoramento, all’orgasmo, addirittura quelle del cocainomane che si è appena fatto una dose. Nella VTA viene anche rilasciata la dopamina, il neurotrasmettitore responsabile della sensazione di benessere.

Questa zona del cervello viene letteralmente sconvolta quando subiamo un trauma amoroso, un fenomeno che la dottoressa Fisher chiama “frustration attraction”.

L’ipotesi fatta dal suo team è questa: l’amore romantico crea una forte dipendenza, evidente nelle regioni del VTA. Le persone innamorate si comportano come se fossero sotto l’effetto di stupefacenti, motivo per cui l’innamoramento è così irrazionale e difficile da controllare.

Quando un amore finisce dobbiamo dire addio anche alla nostra dipendenza e la cosa più importante, secondo la psicologa, è non avere più niente a che fare con questa persona per non far reagire il nostro sistema dopaminergico.

Ma il VTA non è l’unica zona del cervello in cui si colloca il dolore per la perdita di un amore.

I ricercatori hanno notato come anche nel lobo dell'insula sia stata riscontrata un'attività più intensa del “normale”. Qui si collocano la tristezza e il dolore fisico. La Fisher sostiene, infatti che: «Le emozioni, in questa zona, si interpongono come se il dolore avesse una collocazione fisica. Secondo alcuni è la base stessa dei nostri sentimenti». Perdere il proprio amore è, insomma, doloroso come avere le ossa rotte o un fortissimo mal di denti.

Ma come far passare il mal d’amore?

L’unico modo è quello di compensare la mancanza di dopamina in altri modi. Ad esempio, facendo sport come l’aerobica, che riduce i dolori fisici e aumenta i livelli di serotonina.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 2k & More!
 
105 Dance 90
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 InDaKlubb
 
Radio Bau & Co
 
105 Classics
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Coldplay
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Prince
 
105 Story
 
MUSIC STAR Vasco
 
Zoo Radio
 
Radio Festival
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 Hits
 

Playlist tutte