Tutto news

iGen: i ragazzi della nuova generazione. Più "connessi" e meno maturi

Lo studio di una psicologa americana mette in luce i cambiamenti dei giovani di oggi rispetto ai Millennial. Alla base del fenomeno una teoria evolutiva.

iGen: i ragazzi della nuova generazione. Più "connessi" e meno maturi

La chiamano iGen, o meglio, a definirla così è stata una psicologa statunitense. Con questo termine l’esperta, Jean Twenge, docente presso la San Diego State University, ha voluto indicare la nuova generazione di adolescenti tra i 13 e i 19 anni.

Il profilo dei giovani iGen? Ebbene, preferiscono i videogiochi ad un’uscita al pub, sono poco interessati a bere alcolici, a prendere la patente, e persino le prime cotte sono ritardate di qualche anno. Insomma tutto per loro, sembra poter aspettare ancora un po’. Non fremono dalla voglia di crescere e di diventare adulti. Quella stessa voglia che negli anni ’90 si sarebbe tradotta in una quasi ingestibile seppur passeggera ribellione. I giovani della iGen, invece, non sembrano preoccuparsi molto del tempo che passa e, smartphone in mano, configurano tendenze e abitudini del tutto diverse dai Millennial, guardati sottecchi dagli adulti anni ’90.

Un quadro che emerge chiaro dagli studi della dottoressa Twenge che ha analizzato i comportamenti di 8,4 milioni di giovani americani che avessero un’età compresa tra i 13 e i 19 anni dal 1976 al 2016. I risultati sono poi confluiti in un articolo e in seguito in un più esaustivo libro dal titolo  “iGen: perché i ragazzi super-connessi di oggi stanno crescendo meno ribelli, più tolleranti, meno felici e completamente impreparati per l'età adulta”.

Il testo è strutturato in 10 capitoli, ognuno dei quali è dedicato ad uno dei comportamenti della iGen: il ritardo nel diventare adulti; il tempo trascorso su internet; la tendenza a incontrarsi virtualmente piuttosto che di persona; l'insicurezza come nuova crisi esistenziale; la perdita della religiosità; l'isolamento sociale; la sicurezza economica garantita dalla famiglia; sesso, matrimonio e bambini, scelte sempre più ritardate; tolleranza verso le minoranze; il disinteresse per la vita politica.

I risultati fanno emergere un ritardo dei comportamenti dei giovani della iGen, rispetto alla precedente: "I 18enni di oggi - spiega la docente di psicologia - hanno comportamenti simili a quelli dei 15enni degli anni Settanta. A partire dal 2000 si assiste a un crollo continuo nel numero di adolescenti che fanno cose considerate delle pietre miliari per entrare nella vita adulta. Intorno al 2010 i 17-18enni uscivano per appuntamenti d'amore meno di quanto facessero i 15-16enni negli anni Novanta. Inoltre, se nel 1991 il 54% dei 17enni aveva avuto precedenti esperienze sessuali, nel 2015 la percentuale è scesa fino al 41%".

Una differenza si riscontra anche dal punto di vista lavorativo: se negli anni ’70 i ragazzi tra i 13 e i 19 anni che avevano fatto esperienze lavorative erano il 75%, quelli di oggi rappresentano solo il 54%. Un bene, invece, il ritardo nel desiderio di provare alcol. Tornando indietro di 40 anni, i giovani che provavano a bere erano l’82%, oggi solo il 64%.

Ma a cosa attribuire una tale inversione di tendenza? Di sicuro la tecnologia, smartphone e videogiochi hanno contribuito al cambiamento ma, secondo la psicologa, non è Internet la causa primaria. “Questo [fenomeno, ndr] infatti, è iniziato prima che il web fosse diffuso così capillarmente. A ogni modo, negli ultimi 5-10 anni gli smartphone possono avere accelerato la tendenza".

Dietro al fenomeno della iGen, piuttosto, vi sarebbe, a detta della Twenge, una teoria evolutiva: la cosiddetta Teoria della storia della vita che classifica la maturazione delle specie secondo strategie lente e strategie veloci. In sostanza "La teoria della storia della vita – ha raccontato l’esperta - fa affermare che una strategia di vita lenta sarà più probabile in un ambiente sicuro, dove le persone hanno meno figli e persone che vivono più a lungo. Queste si aspettano che i loro figli mettano su famiglia più tardi e che la loro formazione duri più a lungo. E questa è una bella descrizione dell'ambiente odierno". Infatti dopo gli anni 2000 i giovani hanno vissuto in ambienti più agiati, “hanno iniziato a sentire come meno pressanti le urgenze dettate da un orologio biologico formatosi in tempi più primitivi".

La colpa quindi non è tutta della tecnologia ma potrebbe esserlo del progresso in genere e dell’innalzamento degli standard qualitativi della vita.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 2k & More!
 
Radio Bau & Co
 
105 HipHop & RnB
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Vasco
 
Radio Festival
 
MUSIC STAR Prince
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
105 Story
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Classics
 
105 Dance 90
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Elisa
 
MUSIC STAR Zucchero
 

Playlist tutte