tutto news

World Obesity Day, un italiano su 4 a dieta

Dimagrire è uno degli obiettivi che il 24% dei nostri connazionali cerca di perseguire. Che ci sia riuscito o no, gli italiani oltre alla linea sono tornati a fare attenzione a ciò che mangiano

World Obesity Day, un italiano su 4 a dieta

Dimagrire è stata l'ossessione per almeno un italiano su 4 nel 2017. Secondo Coldiretti, che a dicembre rivelò che gli italiani sono i più magri d'Europa, non si tratta soltanto della voglia di rimettersi in forma e perdere qualche antiestetico chiletto di troppo. Mettersi a dieta fa parte anche della maggiore attenzione che gli italiani prestano alla propria alimentazione, sempre più sana e ricca di frutta, verdura e pesce. In occasione del World Obesity Day, organizzato dalla World Obesity Federation e celebrato in tutto il mondo l'11 ottobre, scopriamo come la nostra alimentazione sia diventata più curata e salutare.

Secondo Coldiretti la dieta di chi vuole perdere peso e restare in forma è quella mediterranea. Nei ruggenti anni Settanta e Ottanta in America non si faceva altro che parlare di "mediterranean diet". Poi è seguito un momento di abbandono, prima di tornare in auge, diventando patrimonio dell'Unesco nel 2010. Ora gli italiani hanno riscoperto il piacere di mangiare frutta e verdura (mai così consumati a tavola), pesce fresco (i cui consumi sono aumentati del 7%), pane, pasta, olio extravergine d'oliva, carne e un bicchiere di vino. Un cambiamento a tavola che, secondo Coldiretti, ha consentito all’Italia di collocarsi quest’anno ai vertici della classifica Bloomberg Global Health Index su 163 Paesi, come popolazione maggiormente in salute e sana a livello mondiale.

Gli adulti obesi sono oggi il 9,8% della popolazione, nel nostro Paese; quelli in sovrappeso il 35,3%, mentre il 45% del campione risulta fuori forma fisica. Intanto in Italia cresce la speranza di vita, che ha raggiunto limiti da primato in Europa con 80,6 anni per gli uomini e 85,1 per le donne. Tuttavia secondo la World Obesity Federation c'è ancora molta strada da fare. Secondo i dati diffusi dall'organizzazione promotrice del World Obesity Day, in Italia gli obesi potrebbero salire a 12.642.000 entro il 2025. Se tale prospettiva si avverasse, le malattie collegate all'obesità (cardiovascolari, diabete 2, malattie epatiche, tumori) potrebbero arrivare a costare fino a 22,9 miliardi di dollari, tutti a carico del Sistema Sanitario Nazionale.

Per salvarci da questa prospettiva, basterebbe mettere in campo misure preventive e curative per l'obesità, che all'Italia costerebbero 6,1 miliardi di dollari.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 Hits
 
105 Story
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 2k & More!
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
Webradio 105 Rap Italia
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Coldplay
 
105 Classics
 
105 HipHop & RnB
 
105 Dance 90
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Zucchero
 
Radio Festival
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Prince
 

Playlist tutte