tutto news

Anoressia e obesità riducono drasticamente la "molecola del buonumore"

Si chiama “allo” ed è la responsabile di ansia e depressione. Uno studio dimostra come questa molecola venga prodotta in quantità minore in chi soffre di questo tipo di disturbi alimentari

Anoressia e obesità: la depressione di chi ne soffre dipende dalla mancanza della “molecola del buonumore”

Una nuova scoperta in ambito scientifico ci racconta il legame tra anoressia, obesità e ansia. Grazie ad uno studio del ricercatore italiano Graziano Pinna, dell’Università dell’Illinois, pubblicato anche sulla prestigiosa rivista Neuropsychopharmacology, si è scoperto che nei soggetti affetti da questo tipo di disturbi la produzione di allopregnanolone, la cosiddetta "molecola del buonumore", è risultata inferiore rispetto a quella di una persona in salute. La molecola in questione, più semplicemente detta “allo”, è un derivato di un ormone femminile responsabile del buon umore e delle sensazioni di benessere che una donna prova.

La scoperta è arrivata in seguito a un esperimento che ha portato il team del dottor Pinna a riscontrare un legame tra depressione e concentrazione di “allo” nell’organismo di pazienti affetti da obesità e anoressia nervosa, come conseguenza di questo tipo di disturbi alimentari.

L’esperimento è stato condotto su 12 donne con anoressia nervosa, 12 donne dal peso normale e 12 donne obese, nessuna delle quali aveva ricevuto diagnosi di depressione o ansia.

Attraverso questionari e prelievi del sangue Pinna è arrivato a un risultato molto interessante che dimostra come nelle donne affette da anoressia nervosa il livello di allo fosse del 50% inferiore a quello presente nelle donne di peso normale, e di come fosse il 60% inferiore in quelle obese. L’esame ha, inoltre, dimostrato come i livelli di progesterone fossero invece uguali in tutte le donne esaminate, a dimostrazione del fatto che nelle donne obese o con anoressia nervosa il processo che trasforma il progesterone in allo non funziona a dovere.

Confrontando i risultati degli esami con quelli dei test si è, infine, potuto constatare come nelle donne con meno allo fossero presenti forme di ansia e depressione.

Certo la scoperta del dottor Pinna sembra aprire a tantissime possibilità, soprattutto in ambito farmaceutico, molti degli antidepressivi in commercio, inefficaci su oltre la metà dei pazienti, potrebbero, infatti, essere sostituiti da farmaci in grado di aumentare la concentrazione di questa magica molecola.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 Miami
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 2k & More!
 
MUSIC STAR Prince
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 Story
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Zucchero
 
Radio Bau & Co
 
105 Classics
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Dance 90
 
Radio Festival
 
Zoo Radio
 
105 HipHop & RnB
 

Podcast tutti

Playlist tutte