tutto news

«Fate i genitori, non i manager di vostro figlio»: il post di un maestro di sci diventa virale

Andrea Schenal si rivolge a mamme e papà che pretendono troppo dai figli appassionati di sport. Ecco la sua lettera aperta sui social

«Fate i genitori, non i manager di vostro figlio»: il post di un maestro di sci diventa virale

«Spesso pretendete di essere allenatori. Rispettate i ruoli e limitatevi al vostro compito, basta e avanza»

Queste le parole di Andrea Schenal, allenatore di sci del Comitato Veneto, che su Facebook fa un monito ai genitori dei piccoli sportivi.

Di tutt’altro avviso Mike Agassi, padre 86enne del campione di tennis Andre.

 «E’ vero, ho attaccato una pallina da tennis sulla culla di mio figlio e appena è stato possibile gli ho messo in mano una racchetta per cominciare a colpirla».

Schenal, non condivide in nessun modo questa filosofia. Eppure, lungo tutta la sua carriera lavorativa sulle piste ha visto molti piccoli prodigi alle prese con i loro genitori.

Per questo Andrea ha ritenuto opportuno pubblicare su Facebook una lettera aperta diventata virale in poche ore.

«Spesso il genitore pretende di essere capo allenatore, direttore sportivo, preparatore atletico, fisioterapista e giornalista, tutti ruoli che necessitano di una preparazione specifica», queste le affermazioni dell’allenatore, ispirate al blog del mental coach Giovanni Gabrielli.

«Il mio consiglio è: fate solo i genitori, basta e avanza. Quando lavoro con squadre giovanili non voglio che i genitori entrino nelle decisioni tecniche e siano troppo invasivi» scrive Schenal.

Il riferimento al padre del famoso tennista, che desiderava a tutti i costi un figlio campione, appare più che evidente.

Ecco le dichiarazioni di Mike Agassi: «Ai genitori suggerisco di ribellarsi, di non farsi rubare i ragazzi dai centri tecnici e da guru che amano solo per contratto e non per sangue». Occorre ricordare che l’uomo aveva persino inventato un «Drago» che sparava 2500 palline al giorno contro il figlio. Non sarà un po’ troppo?

Intanto le parole di Schenal ci appaiono decisamente più sensate, per quanto sia plausibile che un genitore viva una situazione emotiva delicata e difficile da comprendere all’esterno:

«Lo sport però deve essere un gioco, non diventare subito un lavoro. Perdere o vincere una gara non influirà su come la terra gira intorno al sole. Anzi, se il figlio vede il genitore rilassato, che si diverte, avrà sicuramente risultati migliori. Nello sport il bastone e la carota non funzionano quasi mai».

In questa competizione non possiamo che simpatizzare per il tecnico di sci.

#TBT ... Life as a little guy in #Vegas!

Un post condiviso da Andre Agassi (@agassi) in data:

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 Story
 
Radio Festival
 
Webradio 105 Rap Italia
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
MUSIC STAR Elisa
 
MUSIC STAR Vasco
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 Hits
 
105 2k & More!
 
Radio Bau & Co
 
105 Classics
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Coldplay
 
105 InDaKlubb
 
105 HipHop & RnB
 
105 Dance 90
 
MUSIC STAR Prince
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Zucchero
 
105 Miami
 

Podcast tutti

Playlist tutte