tutto news

Rinunciano a 3300 ore di congedo per aiutare il collega ad assistere il figlio malato

È accaduto ad Andreas Graff, padre single del piccolo Julius, affetto da leucemia. L’uomo si è detto commosso da un simile gesto

Rinunciano a 3300 ore di congedo per aiutare il collega a ad assistere il figlio malato

Andreas Graff ha perso sua moglie un anno fa per insufficienza cardiaca. Rimasto solo a prendersi cura del piccolo Julius, il loro figlio di 4 anni affetto da leucemia, si è trovato ad affrontare un momento davvero difficile. L’uomo, infatti, ha utilizzato tutti i giorni di congedo previsti dal suo contratto di lavoro per assistere il bambino nel lungo percorso tra ospedali in giro per il mondo.

Proprio quando Andreas aveva perso le speranze e pensava di perdere anche il lavoro, ecco che si è innescata una vera e propria maratona di solidarietà da parte dei suoi colleghi, uniti e compatti nella decisione di “devolvere” le ore di ferie nei suoi confronti.

Ben 3300 ore sono state offerte a Graff affinché potesse essere il più vicino possibile a suo figlio.

Tutto è partito dalla dirigente dell’azienda tedesca, nella regione dell'Assia, in cui l’uomo era impiegato come montatore. Pia Meier, manager delle risorse umane dell'azienda, ha così deciso di coinvolgere tutti i dipendenti in una “raccolta fondi” di ferie che ha raggiunto risultati inaspettati. La mobilitazione è stata unanime.

"La reazione dei nostri dipendenti è stata incredibile", ha raccontato la dirigente al giornale locale Oberhessische Presse. Sono state raccolte un totale di 3264 ore in sole due settimane e hanno contribuito persino gli stagisti, che Graff lo conoscevano appena.

"Senza questo grande sostegno, sarei rimasto disoccupato", ha dichiarato Grass al culmine della commozione. Ora Julius, che presto compirà 5 anni, sta continuando il suo trattamento a casa e sembra star meglio.

Ma non si tratta di un caso isolato. In Francia, nel 2014, il Senato ha approvato in via definitiva la "legge Mathys", che fornisce ai dipendenti la possibilità di cedere giorni di ferie ai colleghi in caso di malattia del figlio.

Il nome della legge deriva dal nome del bimbo di Christian, Mathys appunto, al quale i dipendenti hanno donato 170 giorni delle loro ferie. Dopo la morte del piccolo Mathys nel 2009, suo padre ha fondato un’associazione e si è battuto per trasformare questa solidarietà spontanea in una vera norma.

In Italia vi è una possibilità di questo tipo, introdotta con il Jobs Act, con il decreto legislativo 151 del 14 settembre 2015, il quale prevede che "i lavoratori possono cedere a titolo gratuito i riposi e le ferie da loro maturati ai lavoratori dipendenti dallo stesso datore di lavoro, al fine di consentire a questi ultimi di assistere i figli minori che per le particolari condizioni di salute necessitano di cure costanti, nella misura, alle condizioni e secondo le modalità stabilite dai contratti collettivi stipulati dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale applicabili al rapporto di lavoro".

Ricordiamo il caso di Michela Lorenzin che nel 2016 ha ricevuto dai colleghi 10 mesi di ferie per stare accanto a Nicole, sua figlia di 6 anni colpita da tetraparesi spastica.

Storie come queste ci insegnano che la generosità nasce in qualunque ambiente, e non ha bisogno di andare in vacanza.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 Classics
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Elisa
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 2k & More!
 
Radio Bau & Co
 
Zoo Radio
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Prince
 
105 Story
 
105 Dance 90
 
105 HipHop & RnB
 
Webradio 105 Rap Italia
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
Radio Festival
 

Podcast tutti

Playlist tutte