SPECIALE

THE CHEMICAL BROTHERS

Guarda i video di “GO”.. e vinci il nuovo album “Born in the Echoes”.

THE CHEMICAL BROTHERS

“Go”: il nuovo inizio dei Chemical Brothers. Sono passati esattamente 20 anni da quando Tom Rowlands ed Ed Simons, in arte The Chemical Brothers, hanno pubblicato l’album di debutto (“Exit Planet Dust”) che ha dato inizio alla loro incredibile scalata all’olimpo della scena elettronica globale. Da ex compagni di scuola nella fredda Inghilterra, i “fratelli chimici” si sono trasformati nella colonna sonora più longeva dei roventi dancefloor planetari, siano essi in piccoli club o nelle sedi dei grandi festival internazionali. Era così ieri, negli anni Novanta, quando, sebbene musica elettronica e rave non avessero nulla a che spartire con il pop e la dance, i Chemical Brothers ammaliavano tutti senza mai scivolare in espedienti “commerciali” di basso profilo, ed è così oggi che la musica e gli spettacoli pirotecnici – vedi i due show tenuti all’inizio di luglio in Italia e il recente Sonar di Barcellona – di Tom Rowlands ed Ed Simons sono ancora degli eventi epici. Per questo, forse, il nuovo album Born in the Echoes, arrivato a metà luglio sulla scorta dell’hit-single “Go”, trasuda un incredibile potenziale live. Per capirlo basta alzare il volume e ascoltare l’album tutto d’un fiato come fosse il dj set del migliore dei dj possibili.

Q Tip e le altre stelle di “Born in the Echoes”. Dell’ottava fatica in studio dei Chemical Brothers si è cominciato a parlare qualche mese fa, quando è spuntato quasi dal nulla un brano battezzato “Sometimes I Feel So Deserted”, un crescendo ostinato che, proprio come nel disco, ha presto lasciato il passo a “Go”, secondo singolo (decisamente più adatto alle radio) tratto da “Born in the Echoes”, nonché seconda collaborazione dei fratelli chimici con la rap star Q-Tip (L’ex Tribe Called Quest era già stato il protagonista di “Galvanize”, Grammy Awards nel 2006), una canzone meccanica dominata da una propulsione serratissima della linea di basso (tipica delle produzioni di Q-Tip) che il visionario regista Michel Gondry ha saputo rappresentare mirabilmente nel videoclip con una cordata di ballerine-locomotiva. Ma i super ospiti di “Born in the Echoes”, album tanto incalzante nella sua prima parte quanto etereo, quasi allucinogeno, nella seconda, non sono finiti, perché se la title track è interpretata dalla cantautrice folk gallese Cate Le Bon, “Under Neon Lights” vanta il contributo della cantautrice e polistrumentista americana St. Vincent ed “EML Ritual” è affidata alla voce dell’eclettico Ali Love, membro dei ballatissimo collettivo degli Hot Natured, la gemma che chiude il disco, “Wide Open”, è il nuovo capolavoro di Beck. Da ascoltare e da ballare tutta l’estate.

Visita il sito ufficiale

Visita il sito Universal Music

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Vasco
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Zucchero
 
XMas Radio
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
105 Classics
 
105 Dance 90
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 Story
 
Zoo Radio
 
Webradio 105 Rap Italia
 
MUSIC STAR Coldplay
 
Radio Festival
 
MUSIC STAR Prince
 
Radio Bau & Co
 
105 Hits
 
105 InDaKlubb
 
105 2k & More!
 

Playlist tutte