David Bowie, un video contro la guerra

Per il singolo "I'd Rather Be High", il cantante ha voluto colpire il pubblico con una clip molto impegnativa

David Bowie nel video di "I'd Rather Be High"

Per il singolo "I'd Rather Be High", il cantante ha voluto colpire il pubblico con una clip molto impegnativa

Contro la guerra. Passano gli anni, ma David Bowie non perde la sua capacità di stupire sia con la musica che con le immagini. L'ultimo lavoro del "Duca bianco" è stata la realizzazione di un video per il singolo "I'd Rather Be High" pubblicata nell'edizione deluxe del suo album di ritorno "The Next Day". Un potente video contro la guerra che contiene anche 100 clip di materiale originale proveniente dagli archivi delle guerra del 20esimo secolo e girato dal regista britannico Tom Hingston. Scorci spettrali di Bowie appaiono lungo tutto il filmato, fatta di immagini anche sgranate e frames distorti; clip agghiaccianti di attentati, sparatori ed immagini di guerra si intervallano ad istantanee di soldati che cercano di sfuggire all'orrore della guerra attraverso piaceri edonistici.

La scelta di David. A spiegare la genesi del video è proprio il regista Hingston che spiega: "Bowie ed io abbiamo cominciato a discutere sulla possibilità di utilizzare dei filmati d'archivio, volevamo riportare alla luce un'altra immagine della guerra; quella di soldati nei loro momenti di festa, intenti a ballare e divertirsi. Questi momenti di euforia contrapposti ad immagini di estrema violenza serve come richiamo per capire la futilità della guerra". Nelle intenzioni del regista e di Bowie il video deve riportare lo spettatore nell'orrore della guerra con un legame tra passato e presente, lasciandolo disorientato rispetto a quello che sta guardando, ma in qualche modo costretto a capire il reale significato di un momento tanto tragico come quello di un conflitto armato.

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su