Music Biz

Ecco perché Vasco Rossi ha detto "no" ai Rolling Stones nel 1990

La band lo aveva chiamato per aprire dei concerti in Italia.

Ecco perché Vasco Rossi ha detto "no" ai Rolling Stones neol 1990

Credits: Instagram/vascorossi

Sapevate che, 30 anni fa, Vasco Rossi ha detto un no ai Rolling Stones?

E' successo nel 1990, quando, Vasco, dopo aver suonato a San Siro e al Flaminio di Roma, fu chiamato proprio dalla famosissima band ad aprire i loro live italiani. E Vasco disse di no. Perché?

Nel calendario della band di Mick Jagger e Keith Richards, erano previsti anche tre concerti in Italia, il 25 e 26 luglio a Roma e il 28 a Torino: gli Stones non venivano nel nostro Paese dal 1982.

E, nonostante tutti si aspettassero un triplice sold out, le vendite rallentarono dopo il boom iniziale. E, il promoter David Zard pensò di unire un artista italiano forte alla band. E Vasco fu la soluzione proposta a pochi giorni dal primo live. E il Blasco rifiutò. 

Come raccontato da Enrico Rovelli, che allora era manager di Vasco: "La proposta è lusinghiera sia per me sia per Vasco, candidato a salvare i concerti del mitico gruppo. Fatta oggi, però la riteniamo affrettata, e pertanto impossibile. Una collaborazione a questo livello va organizzata seriamente molto tempo prima e non in extremis."

E molti anni dopo, Giorgio Verdelli, regista di Unici, con una puntata dedicata anche al cantante, ha dichiarato: "Nessun altro avrebbe rifiutato, e credo che questa sia la ragione del successo di Vasco, che è un artista consapevole della propria forza anche di fronte a una delle sue band preferite. Al concerto degli Stones andarono 40mila spettatori, ma Vasco a San Siro fece la doppietta con 110mila. […] Nonostante fosse un loro fan, Vasco non accettò, dicendo che forse in Italia i Rolling Stones potevano aprire per Vasco Rossi."

Ascolta la nostra web radio dedicata alle hits!

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su