Music Biz

Mahmood difende Chiara Ferragni e la sua visita agli Uffizi: “Non è andata a fare una festa”

Le polemiche sulla visita dell’influencer al museo di Firenze continuano.

Mahmood difende Chiara Ferragni e la sua visita agli Uffizi: “Non è andata a fare una festa”

Nei giorni scorsi Chiara Ferragni ha fatto visita agli Uffizi di Firenze e ha scatenato un’enorme polemica. Il museo, in realtà, ne ha beneficiato perché, dopo la visita dell’influencer, ha registrato un vero e proprio boom di prenotazioni, soprattutto da parte dei giovani.

Il popolo del web e quello dei media si è diviso in due fazioni: quelli che hanno criticato Chiara Ferragni e la scelta della galleria di collaborare con lei, e quelli che, al contrario, hanno sottolineato l’aspetto positivo dell’iniziativa.

Tra questi ultimi c’è anche Mahmood, il quale ha difeso l’influencer: “Chiara Ferragni agli Uffizi non è andata a fare una festa, non ha rovinato niente e, anzi, credo che abbia dato un sostegno utile – ha dichiarato l’artista al Corriere - Se la sua visita serve a invogliare qualcuno ad andare, che c’è di male?”.

Anche il cantante milanese ha fatto una cosa simile: Mahmood, infatti, ha registrato il video del nuovo brano “Dorado” all’interno del Museo Egizio di Torino: “Volevo un posto che raccontasse che la vera ricchezza non sono i soldi o i macchinoni, ma le tue origini - ha detto in proposito - Con il regista Attilio Cusani, abbiamo provato a immaginare un luogo quasi sacro. Ci è venuto in mente quel museo. Non c’ero mai stato, siamo andati a vederlo in incognito. Ho respirato subito un’aria di storia gigantesca, enorme. Abbiamo avuto l’idea di mettere nella teca non la collana più preziosa, ma la mia collana regalo di battesimo, che ha un ciondolo con la testa di Nefertiti: simboleggia che la vera ricchezza sono le nostre origini, la cultura da cui veniamo".

"Per me – ha spiegato ancora – che sia un quadro, un video o una canzone, si parla sempre di arte. Sono mondi artistici che possono sembrare agli antipodi, ma messi insieme, funzionano. E funziona se serve a far capire ai ragazzi che la storia è stilosa, ricca di cose belle. La Sfinge è elegante. La Sala delle Statue dove il direttore Christian Greco mi ha permesso di ballare rende il mio messaggio molto più potente”.

I giovani purtroppo oggi frequentano poco i musei. Su questo il cantante ha detto: “Credo che manchi l’abitudine. Io ho avuto la fortuna di avere una mamma che, fin da piccolissimo, mi ha fatto visitare tutti i più importanti – ha sottolineato - In Egitto, invece, a otto anni, al Museo del Cairo, rimasi affascinato dagli ori di Tutankhamon, dalla bellezza di tanti manufatti di migliaia di anni fa. Tante volte, crescendo e guardando un’opera, ho sentito una morsa allo stomaco. Sento che fuori, nelle strade, nelle piazze, tutto cambia, ma in quelle sale, in certi quadri o sculture, c’è qualcosa di più grande che resta”.

Ascolta la nostra web radio dedicata alle hits!

In evidenza

Salmo: le nuove date

Salmo: le nuove date

La data evento di Salmo allo stadio San Siro di Milano, prodotta e organizzata da Vivo Concerti, è ...

 

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Ligabue
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Coldplay
 
105 Story
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Michael Jackson
 
105 Trap
 
105 Dance 90
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 HipHop & RnB
 
105 Classics
 
105 Miami
 
105 2k & More!