Music Biz

Shalpy chiede aiuto: "Sono in condizioni di estrema indigenza"

Il cantante si dice disposto ad accettare qualsiasi proposta.

Shalpy chiede aiuto: "Sono in condizioni di estrema indigenza"

Credits photo: Instagram/shalpyscialpi

Tra i tanti artisti colpiti dalla crisi che ha travolto il mondo dello spettacolo durante questa pandemia di Covid-19 c'è anche Shalpy. Il cantante, nel corso di una recente intervista rilasciata a Rolling Stoneha lanciato un appello, rivelando di trovarsi in una situazione di estrema indigenza. 

«In questo momento mi trovo in una situazione di estrema indigenza come il 90% della gente che fa questo mestiere. Faccio parte di una fetta di persone che non sono calcolate né dallo Stato, né dall’immaginario collettivo. Si ha l’idea che l’artista campi d’aria» ha detto il cantante di 58enne, diventato popolare negli anni Ottanta con brani come "Rockin rolling", "Cigarettes and coffee" e "No east no west" e una vittoria al Festivalbar nel 1988 con "Pregherei".

A peggiorare le cose sarebbero stati il mancato ingresso nella casa del Grande Fratello Vip ed un investimento degli ultimi risparmi nel suo ultimo brano ("Let It Snow") che, pur essendo stato trasmesso a Londra, a Berlino, a Glasgow e in Grecia, non ha fruttato abbastanza e ora non gli offre un salvagente al quale aggrapparsi.

Deluso dall'Italia “che non esalta chi ha valore”, ma soprattutto preoccupato per la sua situazione economica, il cantante ha affermato: «Sarei anche disposto a fare il cameriere o qualsiasi altra cosa mi venisse proposta. Io sono molte cose, posso affrontare tanti ambiti lavorativi».

Quello di Shalpy è un vero e proprio appello, lanciato per necessità sfidando anche le reazioni dei tanti leoni da tastiera che non esitano ad attaccarlo. Il cantante sta raccontando la sua storia, ma si tratta di una storia comune a tanti altri.

(Credits photo: Instagram/shalpyscialpi)

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su