Music Biz

Il documentario su Britney Spears sta scuotendo il mondo della musica

Da Miley Cyrus a Courtney Love: tante colleghe offrono il loro sostegno al movimento "Free Britney"

Il documentario su Britney Spears sta scuotendo il mondo della musica

Britney Spears

L’atteso documentario "Framing Britney Spears", prodotto dal New York Times, ha avuto lo stesso effetto di un terremoto nello showbiz americano. Dal palco del Super Bowl, Miley Cyrus ha inviato un messaggio d'affetto alla Spears, interpretando la hit "Gimme More", ma non è stata l’unica a esprimere solidarietà: nelle ultime ore tantissime cantanti, e non solo, si sono schierate sui social in difesa della collega, che da dodici anni vive sotto la tutela del padre. Un rapporto che ha fatto molto discutere.

Il documentario mette al centro la lunga e tormentata vita della Spears, dall'infanzia in Louisiana al successo improvviso come reginetta del pop, passando per gli amori sulle copertine dei magazine, il rapporto complicato con la stampa e la crisi che nel 2007 le fece toccare il fondo. In "Framing Britney Spears" si parla anche della controversa tutela legale e finanziaria, da anni in mano al padre Jamie. Secondo il movimento "Free Britney" la cantante sarebbe di fatto un ostaggio e dopo l'uscita del documentario alcune star si sono schierate pubblicamente a favore del movimento. Tra queste Sarah Jessica Parker, l'attrice e cantante Bette Midler e Courtney Love.

“Stiamo guardando il documentario 'Framing Britney Spears' e dobbiamo dire che c'è qualcosa di molto strano. Sta succedendo qualcosa di sbagliato", si legge sul profilo social dei Garbage. Anche le colleghe Kacey Musgraves e Hayley Williams hanno espresso la loro solidarietà davanti alle immagini del doc che confermerebbero l’influenza negativa e oppressiva del padre sulla vita dell’ex lolita del pop mondiale.

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su