Music Biz

Jon Bon Jovi, 59 anni "Livin' on a prayer"

Buon compleanno al rocker: storia della canzone più nota della sua band, e del suo seguito "It's my life"

Bon Jovi, 59 anni "Livin' on a prayer"

Narra la leggenda che Jon Bon Jovi – che oggi compie 59 anni – aveva più di un dubbio sui "Livin' on a Prayer",  una delle canzoni più note e amate della sua band. Nell'estate del 1986 venne inclusa in "Slippery When Wet", il terzo album, quello che fece segnare numeri da capogiro con i suoi 33 milioni di copie vendute. Nel disco trovano posto canzoni che chiunque ha avuto modo di ascoltare almeno una volta nella vita: "You Give Love a Bad Name", "Wanted Dead or Alive" e appunto "Livin' on a Prayer".  Inizialmente si pensò addirittura di non includerla nella tracklist di "Slippery When Wet": a fargli cambiare idea, raccontò lo stesso Jon, furono un gruppo di adolescenti entusiasti dopo il preascolto.

"Livin' on a Prayer" venne scritta da Jon Bon Jovi con il chitarrista da Richie Sambora, insieme a Desmond Child, un autore che all'epoca aveva alle spalle una solida collaborazione con i Kiss che aveva fruttato una hit come "I Was Made For Lovin' You". Per "Livin' on a Prayer" Child attinse alla sua esperienza personale per dare vita a Tommy e Gina, i due ragazzi alle prese con dei problemi economici protagonisti della canzone Tommy e Gina verranno nuovamente citati dalla band statunitense molti anni più tardi nella loro hit del 2000 "It's My Life".

Nella canzone il chitarrista Richie Sambora utilizzò un talkbox che gli donò un suono particolare. Il talk box è un apparecchio che consente al musicista di modificare il suono di uno strumento musicale attraverso i cambiamenti di forma della propria bocca. In una intervista rilasciata a Q nel dicembre 2009, Jon Bon Jovi parlò delle difficoltà nell'usarlo: "Quella cosa non è molto facile da suonare. Fondamentalmente tutto viene alimentato da un tubo da un pollice che entra in bocca." Oltre a Tommy e Gina in "It's My Life" torna anche il talk box, creando un vero e proprio ponte temporale tra i due brani.

In una intervista concessa alla fine dello scorso gennaio al quotidiano inglese The Guardian Jon Bon Jovi parlando di "Livin' on a Prayer" ha ricordato: “Quella canzone, che Dio la benedica. Ma mio Dio, chi lo poteva sapere? Non noi, te lo assicuro".

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su