Music Biz

Billie Eilish e quel vecchio video "razzista"

La popstar aveva condiviso due brevi filmati che in molti hanno interpretato come offese alla comunità asiatica

Billie Eilish e quel vecchio video "razzista"

Billie Eilish

Billie Eilish ha postato sui suoi canali social una lunga lettera indirizzata ai fan per difendersi dalle accuse di razzismo piovutele addosso: in rete sono riemersi due filmati postati dalla voce di “Bad Guy” su TikTok in giovanissima età. I due frammenti di clip sono stati riproposti dagli utenti del social. 

I passaggi incriminati sono due. Il primo: in un lip synch - cantare mimando con le labbra l’esecuzione del brano in sottofondo - la Eilish ha riproposto i versi d’apertura della canzone di Tyler the Creator “Fish” - da “Globlin” del 2011, ovvero “Slip it in her drink and in the blink / Of an eye I can make a white girl look chink” (“Lo metto nel suo drink e in un attimo posso far sembrare una ragazza bianca una "chink’”, dove “chink” è un termine dispregiativo inglese utilizzato per indicare le persone di discendenza cinese o, più in generale, di origini asiatiche). Il secondo riguarda invece degli spezzoni dove la Eilish parla un buffo linguaggio incomprensibile che alcuni hanno identificato come una presa in giro degli idiomi orientali. 

Questa la risposta: “Vi voglio bene ragazzi, e molti di voi mi hanno chiesto di affrontare questa faccenda”, ha scritto l’artista: “E voglio affrontarla, questa cosa, perché sto venendo etichettata come qualcuna che non sono. C'è un video editato che ho tra i piedi da quando avevo 13 o 14 anni in cui ho pronunciato una parola da una canzone che all'epoca non sapevo fosse un termine dispregiativo usato contro gli appartenenti alla comunità asiatica. Sono sgomenta e imbarazzata, e vorrei vomitare per aver pronunciato anche una sola volta quel termine. In quella canzone ho sentito per la prima e unica volta quella parola, perché nessuno della mia famiglia l’ha mai usata. A prescindere dalla mia ignoranza e dall’età che avevo all'epoca, nulla giustifica il fatto che sia stato doloroso. E per questo mi dispiace”.

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su