Music Biz

Britney Spears in tribunale: "Basta con il padre-padrone"

La popstar al giudice: "I miei tutori mi impediscono di avere un bambino".

Britney Spears in tribunale: "Basta con il padre-padrone"

Britney Spears

Dopo 13 anni sotto il giogo del "padre padrone", Britney Spears dice la sua in aula sotto gli occhi puntati di tutto il mondo e dei fan che fuori dalla corte reclamano la sua "liberazione". Nell'udienza in formato virtuale nella Stanley Mosk Courthouse di Los Angeles ha detto di averne abbastanza della tutela legale che assoggetta ogni sua azione alla tutela del padre Jamie e vuol far causa alla sua famiglia.

Lo ha detto la stessa pop star alla giudice della Superior Court di Los Angeles Brenda Penny. Britney ha detto che non vuole altre perizie psichiatriche. Vuole d'ora in poi essere libera. "Voglio sposarmi e avere un bambino. Volevo farmi togliere la spirale e avere un bambino, ma i miei tutori non me lo fanno fare perche' non vogliono che abbia un bambino", ha detto Britney, che ha quasi 40 anni. La giudice ha ringraziato la Spears, lodando il suo coraggio per aver voluto parlare di persona davanti alla corte.

La richiesta di apparire in corte senza filtri, sia pure in formato virtuale, risale allo scorso aprile. Britney ha parlato in tribunale solo una volta, nel maggio 2019, ma la deposizione allora fu a porte chiuse e non emersero particolari. Quello stesso anno la Spears aveva fatto informato la corte di essersi sentita costretta a ricoverarsi in un centro per la salute mentale e a salire contro la sua volonta' sul palcoscenico quando aveva la febbre a 40.

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su