Music Biz

Al Bano, fischiato al tributo a Battiato, racconta che cosa è successo

Era salito sul palco con Vittorio Sgarbi.

Al Bano, fischiato al tributo a Battiato, racconta che cosa è successo

Al Bano

Martedì sera, durante il tributo a Franco Battiato all'Arena di Verona, Al Bano e Vittorio Sgarbi si sono presentati sul palco e sono stati travolti dai fischi. I loro nomi non figuravano nella scaletta. Cosa avrebbero dovuto fare, resta un mistero. A chiarire cosa è successo è ora il cantante di Cellino San Marco, in un'intervista concessa al Corriere della Sera. Nella quale definisce quel passaggio "i 5 minuti più inutili della mia vita artistica".

Al Bano spiega: "Io e Sgarbi eravamo ad Abano, c’era una manifestazione del personaggio dell’anno e mi hanno premiato. Terminata la serata Sgarbi mi dice: 'Andiamo all’Arena di Verona che c’è anche mia sorella'. Arriviamo, e il direttore artistico Gianmarco Mazzi ci porta dietro le quinte. Io non sapevo nulla. Vittorio mi dice 'Dai saliamo sul palco'". Non appena i due si presentano sul palco, dal pubblico s'alzano i fischi. Al Bano rivive così quegli istanti: "Entriamo e la gente urla 'Fascisti, fascisti'. Mi son trovato in un girone dantesco. Mi chiedevo 'sogno o son desto?'. A quel punto mi sono scusato e sono uscito. Perché 'fascista'? Questo proprio non lo so. Sono antipolitico da sempre".

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su