Music Biz

R. Kelly è stato condannato per violenze sessuali su minori

La stella dell'r&b è stato accusato di pedopornografia e abusi sessuali.

R. Kelly è stato condannato per violenze sessuali su minori

R. Kelly

Una  nuova condanna scuote il  mondo della musica. La stella della musica R. Kelly è stato riconosciuto colpevole di reati di pedopornografia e adescamento di minori a fini sessuali: è stato condannato per sei capi d’accusa e rischia fino a 20 anni di prigione. È stato invece assolto per gli altri sette capi d’accusa per cui era stato incriminato, tra cui intralcio alla giustizia: il cantante era stato accusato di aver tentato di nascondere le prove dei propri abusi. Di recente, in un altro processo, il cantante era stato condannato ad altri 30 anni di carcere per sfruttamento sessuale e associazione a delinquere.

Sesso con una minorenne 

I 13 capi d’accusa riguardavano vicende successe più di 20 anni fa e già finite al centro di un altro processo che si era svolto nel 2008, dopo la circolazione di un video che ritraeva il cantante avere un rapport sessuale con una ragazza di 14 anni. In quell’occasione R. Kelly era stato assolto da tutti i capi d’accusa per cui era stato incriminato perché la ragazza che lo aveva accusato non testimoniò al processo. Il mese scorso però la stessa ragazza, che oggi ha 37 anni ed è nota con lo pseudonimo “Jane”, ha deciso di testimoniare e ha dichiarato di essere lei la ragazza del video, accusando R. Kelly. 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su