Music Biz

Bob Sinclar non ne può più di “Pioli is on fire”

Il dj francese ha fatto capire di non sopportare più quel coro.

Bob Sinclar stufo di “Pioli is on fire”

Bob Sinclar

Nel corso dell’estate quel coro da stadio diventato la colonna sonora del diciannovesimo scudetto del Milan, “Pioli is on fire”, è stato un vero e proprio tormentone. Difficile, infatti, non aver mai sentito intonare dai tifosi, tanto allo stadio quanto alle serate in discoteca o in altre circostanze, le parole in onore del tecnico dei rossoneri Stefano Pioli sul brano dance anni novanta di Gala, “Freed from desire”. Ora, persino Bob Sinclar ha fatto capire di essersi stufato

La reazione di Bob Sinclar

Dopo un’estate passata a sentire “Pioli is on fire” durante i suoi dj set, arrivando persino a intonarlo insieme al pubblico, Bob Sinclar ha esaurito la sopportazione e durante una serata ha lasciato intendere chiaramente di essere stufo di quel coro. In un video condiviso in rete, si vede infatti il dj francese impegnato in un live scuotere la testa e fare segno di “no” non appena dal pubblico si sente levarsi “Pioli is on fire”. Nonostante la scocciatura, nella clip si vede poi Bob Sinclar rassegnarsi e mostrare un sorriso di circostanza 

Da dove arriva “Pioli is on fire”

Prima dell’adattamento della canzone “Freed from desire” per lo scudetto del Milan in onore di Stefano Pioli, la hit dance internazionale è stata inizialmente riproposta in versione coro da stadio nel 2016 in occasione degli Europei dai tifosi del Nord Irlanda che, per celebrare il loro idolo, intonavano “Will Grigg’s on fire”. In Italia un primo rifacimento è stato lanciato nello stesso anno al Palio di Siena dalla Contrada della Lupa per celebrare la vittoria. I tifosi rossoneri hanno poi ripreso “Freed from desire” nel dicembre 2020 per festeggiare la sconfitta della Sampdoria da parte del Milan e, sbarcato quindi a San Siro, il coro è diventato l’inno della vittoria dello scudetto di quest’anno.

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su