Music Biz

Linkin Park: "Se ci chiamate venduti vi prendiamo a pugni"

Il leader della band, Chester Bennigton, ha dichiarato di non tollerare i fan che criticano lui e compagni, accusandoli di aver cambiato stile per far soldi.

Linkin Park: "Se ci chiamate venduti vi prendiamo a pugni"

I Linkin Park hanno avuto una svolta pop, confermata dal loro nuovo album "One More Light", ma non chiamateli "venduti". Il cantante, Chester Bennington ha detto, in un’intervista a Kerrang Radio, di voler "uccidere tutti quelli che gli danno del venduto" e che se non altro "li prenderà a pugni in bocca". Un’intervista decisamente sopra le righe, per il leader del gruppo americano, che si esibirà tra meno di un mese, il 17 giugno, insieme ai Blink 182, ai Sum 41 e ai Nothing but Thieves, agli I-Days di Milano all’Autodromo di Monza.

"Una canzone può piacere oppure può non piacere", ha spiegato Chester Bennington durante la sua intervista radiofonica, "Oppure puoi dire: non mi piace perché non è abbastanza metal, e mi va bene. Ma non permetto a nessuno di dire: hanno preso una decisione per il marketing, perché vogliono fare soldi, perché in quel caso ti dirò di vederci fuori e ti prenderò a pugni, quella è l’unica risposta che ho per te".

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su