Music Biz

The Weeknd infuriato con H&M per la pubblicità razzista

La popstar canadese ha smesso di essere testimonial del brand a causa di una foto sul loro catalogo.

The Weeknd infuriato con H&M per la pubblicità razzista

The Weeknd ha annunciato su Twitter la fine della sua collaborazione con H&M, dopo la gaffe del brand di moda svedese. La foto di un giovane modello nero che indossava una felpa con la scritta "La scimmia più cool della giungla" è diventata virale e l’accusa di razzismo per H&M è stata inevitabile. Ora è anche arrivata la reazione di The Weeknd, che rinuncia pubblicamente al suo ruolo di testimonial del marchio. "Mi sono svegliato scioccato e imbarazzato da questa foto", ha scritto su Twitter, "sono profondamente offeso e non lavorerò più con H&M".

È un duro colpo per la casa di moda, che ha dovuto incassare anche le critiche su Instagram di Questlove, batterista dei The Roots e producer molto influente: "Sono sicuro che arriveranno le scuse. Che la pubblicità verrà ritirata, che qualche donazione sarà fatta, che la situazione sarà aggiustata sui media", ha scritto. "Ma sono sicuro che nel consiglio di amministrazione di H&M manchi decisamente qualcosa. Volete provare a indovinare?", facendo riferimento alla mancanza di diversità che può aver provocato questa che, nella migliore delle ipotesi, è una mancanza di sensibilità. Intanto, come previsto, sono arrivate le scuse.

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su