Tutto News

Negli ultimi anni gli studenti italiani sono peggiorati in scienze e in lettura

I risultati dell’indagine internazionale Ocse Pisa 2018 sono allarmanti.

Negli ultimi anni gli studenti italiani sono peggiorati in scienze e in lettura

L’istruzione in Italia peggiora sempre di più e le nostre scuole non sono in grado di fornire una formazione adeguata ai nostri ragazzi: lo dimostrano i risultati di Pisa 2018, l’indagine internazionale promossa dall’Ocse che si effettua ogni tre anni per rilevare le competenze degli studenti di 15 anni in lettura, matematica e scienze.

A questa indagine nel nostro paese hanno partecipato 11.785 studenti suddivisi in 550 scuole in totale: l’unico dato relativamente positivo riguarda la matematica, il cui livello di conoscenza è migliorato rispetto al 2009 ma è comunque piuttosto modesto, senza contare che è rimasto stabile nel tempo, senza grandi sviluppi. Circa il 24% degli studenti non ha raggiunto il livello 2, ossia quello di base, mentre solo il 10% ha raggiunto i livelli di eccellenza 5 e 6. In questo campo i ragazzi hanno ottenuto un punteggio superiore rispetto alle ragazze.

Ma le vere note dolenti sono altre: in scienze 1 studente italiano su 4 non raggiunge neanche il livello base delle competenze richieste. Nel Nord Italia è “low-performer” in scienze il 15-20% degli studenti, mentre al Sud la percentuale sale al 35%. In questo caso non c’è differenza tra maschi e femmine, il livello è basso per tutti.

Nel campo della lettura, invece, le ragazze hanno ottenuto punteggi migliori: per “lettura” si intende la capacità degli studenti di comprendere e utilizzare i testi per raggiungere i propri obiettivi e partecipare alla società. In questo campo, gli studenti italiani hanno ottenuto un punteggio medio di 476, inferiore alla media Ocse pari a 487, e si collocano così tra il 23esimo e il 29esimo posto dei paesi che hanno partecipato all’indagine. In generale, gli studenti italiani hanno totalizzato punteggi nettamente inferiori rispetto a quelli degli altri paesi. 

Come è possibile tutto questo? Secondo il ricercatore dell’Ocse, Francesco Avvisati, purtroppo è colpa della scuola: “Nella lettura e nelle scienze il livello tende a calare – ha spiegato all’Agi - perché c'è bisogno di un aggiornamento continuo dei contenuti e delle modalità di insegnamento ma in Italia il cambiamento è più lento rispetto ad altri paesi. La nostra scuola è immobile”. Di fronte a un quadro del genere, è normale allarmarsi: “Ci deve sicuramente preoccupare il calo della preparazione scientifica e della capacità critica degli alunni italiani – ha aggiunto Avvisati - perché il calo non proviene dagli studenti meno bravi, ma proprio dai più bravi. Inoltre, rispetto a dieci anni fa il mondo è diventato più complesso, ed è cresciuta la richiesta di competenze scientifiche diffuse e di capacità critica di lettura”.

In evidenza

Salmo: le nuove date

Salmo: le nuove date

La data evento di Salmo allo stadio San Siro di Milano, prodotta e organizzata da Vivo Concerti, è ...

 

VIDEO

WEB RADIO

105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 2k & More!
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 Story
 
MUSIC STAR Michael Jackson
 
105 Miami
 
105 Hits
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Classics
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 Dance 90
 
MUSIC STAR Coldplay
 
105 Trap
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Elisa