Tutto news

Coronavirus, partita la campagna #Vorreistareacasa per dare voce a chi una casa non ce l’ha

L’associazione Binario 95 denuncia la situazione di pericolo alla quale sono esposti i senzatetto.

Coronavirus, partita la campagna #Vorreistareacasa per dare voce a chi una casa non ce l’ha

In questi giorni di emergenza a causa del Coronavirus siamo tutti obbligati a restare in casa nel tentativo di contenere i contagi. Ma come può fare chi una casa non ce l’ha? Per i tantissimi senzatetto del nostro Paese, circa 50mila secondo le stime, le associazioni di volontariato continuano a lavorare con tute le precauzioni del caso ma servono degli aiuti, soprattutto perché con l’ultimo decreto sono state interrotte alcune importanti attività, come la distribuzione di indumenti e il servizio mensa, perché in questi casi non è possibile mantenere la distanza di sicurezza.

In questa situazione l’associazione di volontari di Roma Binario 95 ha deciso di lanciare una campagna di sensibilizzazione sul tema con l’hashtag #Vorreistareacasa: “Al Binario 95, le persone senza dimora che ospitiamo ci dicono: #vorreirestareacasa, ma qual è la mia casa? – scrivono i volontari sul sito dell’associazione - Oltre a non avere una casa nella quale isolarsi, le persone senza dimora sono comunque costrette ad utilizzare le mense per nutrirsi e i centri di accoglienza per dormire, entrambi luoghi in genere affollati e promiscui, nei quali la distanza minima non può essere, in molti casi, rispettata – sottolineano - Chi non ha un’abitazione, inoltre, pur avendo compreso la gravità della situazione e sforzandosi con buona volontà di rispettare le regole, ha molta difficoltà ad adeguarsi alle norme igieniche di base previste dal Dpcm per non parlare della complessità nel reperire i dispositivi di protezione, perché non ne ha le possibilità economiche”.

La questione, insomma, è tutt’altro che semplice ma nonostante questo Binario 95 non si ferma, anche se ovviamente ha dovuto raddoppiare il lavoro e la pulizia. Per continuare a offrire assistenza e un tetto a chi non ce l’ha ed è più esposto, però, servono risorse: ecco perché chi vuole può dare un contributo con una donazione per la causa, direttamente sul sito dell’associazione.

 

 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su