TUTTO NEWS

Uccide una giraffa e le strappa il cuore mostrandolo su Facebook

Lo spietato gesto di una cacciatrice in occasione di San Valentino

Uccide una giraffa e le strappa il cuore mostrandolo su Facebook

Foto tratta da Facebook di Merelize van der Merwe

Chi non ha mai desiderato un cuore in regalo? I peluche non vanno più di moda evidentemente, perché una cacciatrice sudafricana ha pensato bene di regalare al marito un cuore vero per San Valentino, il cuore di una giraffa  La cacciatrice si chiama Merelize van der Merwe e ha 32 anni. Da sempre sostiene la caccia e critica quegli animalisti che secondo lei poi si comprano la carne al supermercato. Lei, invece, la conquista a suon di proiettili.
Non solo ha ucciso una giraffa, specie sempre più rara, ma ha anche pubblicato le foto della caccia su Facebook scatenando ovviamente l’ira degli utenti. In particolare a fianco alle foto in cui tiene in mano il cuore dell’animale ha scritto: «Ti sei mai chiesto quanto è grande il cuore di una giraffa? Sono assolutamente al settimo cielo con i miei grandi regali di San Valentino!».

Ha poi spiegato tutto l’accaduto: «Due settimane fa un caro amico Chrisjan Bakker mi ha contattata per la mia richiesta legata a un’anziana giraffa nera e non riuscivo a credere ai miei occhi. Un esemplare grande e nero, talmente vecchio che aveva superato il suo tempo e il proprietario non sapeva se avrebbe vissuto altri 3 mesi!!! Mio marito aveva prenotato un viaggio per noi nel palazzo della città sperduta a Sun City per il nostro weekend di San Valentino, ma i nostri piani sono subito cambiati. Il mio meraviglioso marito sapeva che questo era il mio sogno. Mi sono sentita come una bambina per due settimane e ho contato i giorni. In seguito sono stato inondata di emozioni, mentre aspettavo da anni di avere questa opportunità!». Ognuno ha i suoi sogni nella vita.  

What is a trophy hunter, someone who waits years for the right animal, I set out in 2016 on a quest to hunt a big black...

Pubblicato da Merelize van der Merwe su Sabato 13 febbraio 2021

Il video dell’uccisione è anche stato oscurato da Facebook in quanto segnalato come contenuto che urta la sensibilità degli utenti. In risposta alle critiche lei si è difesa: «Uccidendo quella giraffa ho creato lavoro per 11 persone quel giorno e molta carne per la gente del posto».  

La ragazza non sembra essere per nulla spaventata delle numerose minacce ricevute, anzi sfida tutti a viso aperto, lei però sa usare molto bene fucili e armi da fuoco, purtroppo.

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su