TUTTO NEWS

Gianluca Vialli: leader dello spogliatoio di Mancini

Fiorenzi ha tessuto le sue lodi dopo la vittoria di ieri

Gianluca Vialli: leader dello spogliatoio di Mancini

Il team azzurro che ha conquistato gli europei è formato da personalità che hanno saputo amalgamarsi alla perfezione in un vero gruppo a partire dai giocatori e finendo con lo staff. Su tutti è stata fondamentale, oltre a Mancini, la figura del capo delegazione Gianluca Vialli.
Fin dall’inizio della competizione europea si è reso protagonista del rito scaramantico prima di ogni partenza da Coverciano: lui veniva lasciato a piedi dal pullman in partenza per poi risalire pochi metri dopo. L'ex centravanti ha avuto un ruolo chiave, lontano dai riflettori per creare un gruppo capace di salire sul tetto d'Europa. A confermarlo sono state le parole di Alessandro Florenzi: "È importante che tutti lo sappiano. Noi abbiamo un esempio che ci dimostra ogni giorno come si deve vivere, come ci si deve comportare, in qualsiasi ambiente, in qualsiasi situazione. Ed è Gianluca Vialli". Fin da quando era lui sul campo, Vialli era un un vero e proprio leader, nel senso più positivo del termine. Amico e compagno storico alla Sampdoria di Roberto Mancini, insieme i due hanno fatto grandi imprese, ma proprio a Wembley avevano perso una finale di Champions League nel 1992. Ieri si sono presi una bella rivincita, oltre alla piena stima di tutti i giocatori. Fiorenzi ha concluso dicendo: “Voglio dirgli che per noi è speciale. Lui per noi è davvero un esempio vivente. Mi odierà, ma se lo merita".

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su