TUTTO NEWS

Mattarella durante la cerimonia del Ventaglio: “È il virus che limita la libertà”

"Senza attenzione e senso di responsabilità rischiamo una nuova paralisi"

Mattarella durante la cerimonia del Ventaglio: “È il virus che limita la libertà”

Il 27 luglio si è svolta la canonica cerimonia del Ventaglio durante cui le più alte cariche dello stato incontrano i giornalisti prima della pausa estiva e la sospensione dei lavori delle camere. Il tema del discorso del Presidente della Repubblica in occasione della cerimonia è stata la pandemia, definita un incubo «che non è ancora alle nostre spalle». Per sconfiggerlo il Presidente ha ricordato che abbiamo due strumenti: il primo è la campagna di vaccinazione. Il secondo è «la scelta di mettere in campo ingenti sostegni pubblici per contenere le conseguenze delle chiusure e dei distanziamenti a livello economico, produttivo e occupazionale». Vaccini e ripresa economica con il supporto dello stato, questa l’unica prospettiva possibile per Mattarella. Il presidente ha voluto sottolineare l’importanza dei vaccini: «solo grazie ai vaccini siamo in grado di contenerlo». Il vaccino, spiega, «non ci rende invulnerabili, ma riduce grandemente la possibilità di contrarre il virus, la sua circolazione e la sua pericolosità».Per questo motivo «la vaccinazione è un dovere morale e civico». Mattarella ha poi fatto intendere che in casa propria ognuno può fare come preferisce se la legge non prevede l’obbligo ai singoli cittadini di vaccinarsi, ma per gli ambienti comuni non si può fare come si vuole. Lo scenario se non si agisce con coscienza potrebbe essere drastico: «senza attenzione e senso di responsabilità rischiamo una nuova paralisi della vita sociale ed economica; nuove, diffuse chiusure; ulteriori, pesanti conseguenze per famiglie e imprese».
Mattarella ne ha poi approfittato per smentire le fantasiose voci che parlano della sua ricandidatura, bollate dal Presidente come “fake news”.

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su