TUTTO NEWS


Il Green Pass da metà ottobre sarà obbligatorio statali e privati

L'obbligo scatterà dal 10 o dal 15 ottobre per dare tempo a tutti di immunizzarsi

Il Green Pass da metà ottobre sarà obbligatorio statali e privati

Da metà ottobre l’obbligo della certificazione verde riguarderà sia la pubblica amministrazione che le aziende private. Finisce così anche il paradosso che richiedeva il Green Pass ai clieti del ristorante senza che fosse necessario per chi al ristorante ci lavora. Il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, ha chiesto che al contempo si garantisca di non chiudere anche in caso di zona arancione: «I cittadini e le imprese hanno bisogno di certezze e le Regioni si stanno confrontando con il governo per ottenere la garanzia che le attività economiche possano rimanere aperte, per coloro che hanno il green pass, anche nel caso di passaggio in zona gialla o arancione».
La data in cui entrerà in vigore l’obbligo potrebbe essere già il 10 ottobre o al più tardi il 15, per dare tempo a chi non è vaccinato di fare almeno la prima dose e ricevere il Green Pass; non si potrà andare oltre perché con la riapertura delle scuole e un maggiore affolamento dei mezzi pubblici, ci si aspetta un aumento dei contagi. I primi a doversi immunizzare (se ancora non lo hanno fatto) sono i dipendenti pubblici, in modo da ridurre lo smart working al 15%. Obbligo anche per tutti i lavoratori degli enti culturali, delle le Federazioni sportive, delle Agenzie del Demanio, della Presidenza del Consiglio e dei Ministeri. Non è ancora chiaro se l’obbligo investirà anche le aule di tribunale e quindi testimoni, imputati e via dicendo. Green Pass per tutti i dipendenti dei locali pubblici, dai ristoranti alle piscine alle sale gioco e per chi guida i mezzi di trasporto. I controlli spettano ai capo reparto o di settore e le sanzioni comprendono una multa che va da 400 a 1000 euro ed eventualmente la sospensione dall'incarico senza stipendio. 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su