TUTTO NEWS

Green pass obbligatorio per i lavoratori, ma niente sospensione se si è senza

Alle elezioni amministrative nessun obbligo per i votanti

Green pass obbligatorio per i lavoratori, ma niente sospensione se si è senza

Dal 15 ottobre il green pass sarà obbligatorio per i dipendenti pubblici e molte altre categorie, il decreto è però stato modificato prima della firma definitiva del capo dello Stato; si è deciso di non includere nel decreto ulteriori sanzioni ai lavoratori sprovvisti di green pass a cui sarà comunque sospeso lo stipendio. Rimarrà l’assenza ingiustificata e senza retribuzione fino a che non ci si mette in regola, ma è sparita la dicitura «a decorrere dal quinto giorno di assenza, il rapporto di lavoro è sospeso fino alla presentazione della certificazione». 
Nello stesso decreto sono contenute altre importanti indicazioni per quanto riguarda terza dose, elezioni amministrative e test Covid. La terza dose sarà somministrata prima agli ospiti delle RSA e agli operatori sanitari procedendo per fasce di età e di rischio, fermo restando che per fare la terza dose devono essere passati 6 mesi dalla seconda.
Capitolo elezioni: le amministrative che si svolgeranno 3 e 4 ottobre non prevedono obbligo di certificazione né per i votanti né per presidenti di seggio o scrutatori, mentre ai ballottaggi che si svolgeranno il 18-19 ottobre quindi con decreto già attivo, i lavoratori delle urne dovranno avere la certificazione in quanto equiparati a dipendenti pubblici, nessuna restrizione invece per i votanti. 
Infine per quanto riguarda i tamponi, il molecolare avrà una validità di 72 ore, l’antigenico sarà valido solo per 48 ore, così come il salivare, anch’esso valido per ottenere un green pass temporaneo. 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su