TUTTO NEWS

Ecco come immaginano il futuro i giovani italiani: 5 ore di lavoro al giorno e tanta IA

I risultati della ricerca Next Gen mostrano come sarà il 2030 secondo i ragazzi

Ecco come immaginano il futuro i giovani italiani: 5 ore di lavoro al giorno e tanta IA

 "Next Gen 2030" è il nome della ricerca fatta da BNP Paribas Cardif per chiedere ai ragazzi tra i 15 e i 30 anni come si immaginano il futuro. Tra i 1000 partecipanti le idee sono piuttosto chiare e in effetti non manca poi così tanto.
Secondo quasi la metà degli intervistati il concetto delle 8 ore lavorative andrà scemando in favore di meno ore, circa 5, magari integrate dal supporto dell’intelligenza artificiale. Sempre in ambito lavorativo non metteremo da parte lo smart working che secondo il 52% degli intervistati si alternerà alla presenza in ufficio. Per quanto riguarda l’ambito sociale, il futuro sembra più roseo e se cosi dovesse essere sarà proprio merito delle giovani generazioni; secondo loro le discriminazioni di genere diminuiranno fino a sparire (per il 35%); così come il body shaming. Per il 26% degli intervistati ci sarà una donna alla guida del Paese, alla Presidenza della Repubblica o del Consiglio. Speriamo si avverino queste previsioni ottimiste. Decisamente più drastica la situazione ambientale, per il 31% andremo incontro a un peggioramento rispetto alla situazione attuale del riscaldamento globale e siamo quindi spacciati. Il 41% prova invece a tirare su il morale, sostenendo che in futuro saremo più green e le tecnologie più avanzate daranno una mano a riciclare i prodotti in maniera più efficace. Anche la tecnologia migliorerà sempre di più tanto che in casa avremo televisori giganteschi e sottilissimi che si srotoleranno sul muro, secondo il 36% degli intervistati (quanta fantasia!). Le nostre case saranno regolate dall’intelligenza artificiale e diventeranno più sostenibili, con sistemi di purificazione dell’aria e riduzione del rumore. Insomma il futuro è pieno di luci e ombre per i giovani che si affacciano al 2030, ma tutto sommato sperano nel meglio!

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su