TUTTO NEWS

Come funzioneranno i controlli del green pass dal 6 dicembre?

Arriva la circolare del ministero dell’interno ai prefetti

Come funzioneranno i controlli del green pass dal 6 dicembre?

Dal 6 dicembre scattano le misure per il green pass rafforzato, con la circolare del Ministero indirizzata ai prefetti arrivano anche le direttive per l'applicazione pratica dei controlli. Le verifiche saranno tendenzialmente a campione. Su autobus e metro controlleranno principalmente polizia e carabinieri con l’aiuto dei vigili e con la possibilità dei controllori di dare una mano in quanto “in possesso della qualifica di incaricato di pubblico servizio". Per evitare rallentamenti e assembramenti dovuti ai controlli, si sta studiando l'emissione di un biglietto elettronico che verifichi la certificazione già al momento dell’acquisto dei biglietti. Il monitoraggio avverrà tramite l’app già in uso “C19” che subirà quindi un aggiornamento per adeguarsi alle nuove norme.
Chi viene trovato al ristorante, a un evento senza green pass rafforzato, oltre ad essere scortato fuori riceverà una multa che va dai 400 ai 1000 euro. Stessa multa anche per chi salirà su mezzi di trasporto pubblici, aerei, treni o si trovi in alberghi, piscine o palestre senza il green pass “base”.  La multa andrà fatta anche al ai soggetti che non hanno controllato la validità del certificato; se si ricevono 3 volte in 3 giorni diversi, scatta la chiusura forzata per 10 giorni.
Se dovesse scattare la zona arancione, le cose cambierebbero ulteriormente: ci sarebbe il coprifuoco per i non vaccinati che potranno muoversi nel comune di residenza solo con autocertificazione e per motivi di lavoro, necessità e urgenza. In questo caso le attività rimangono aperte per chi ha il super green pass. In zona rossa, invece, varrebbe per tutti le limitazioni del lockdown con tutte le attività chiuse ad esclusione di quelle che forniscono beni o servizi di prima necessità. 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su