TUTTO NEWS

Covid: da oggi metà Italia è in zona gialla

Cambiano le regole per la quarantena e per la scuola

Covid: dal oggi metà Italia è in zona gialla

Con l’anno nuovo arrivano anche nuove norme per contrastare la diffusione ormai fuori controllo della variante Omicron. Dal primo gennaio sono cambiate le regole per la quarantena: i soggetti asintomatici che hanno ricevuto la dose booster, o completato il ciclo vaccinale primario nei 4 mesi precedenti, o che sono guariti dal Covid nei 4 mesi precedenti, se vengono a contatto con un positivo non devono sottoporsi a quarantena ma all'autosorveglianza: avranno l’obbligo di indossare la mascherina Ffp2 per almeno dieci giorni. Chi è vaccinato da oltre 4 mesi dovrà fare una quarantena di 5 giorni, per chi non è vaccinato resta la quarantena di 10 giorni. 
Nel frattempo metà Italia scivola in zona gialla: oltre a Calabria, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Veneto e le province autonome di Bolzano e Trento, diventano gialle il 3 gennaio anche Lombardia, Piemonte, Lazio e Sicilia. Il cambio di colore è sintomo di sofferenza delle strutture sanitarie, ma di fatto le regole non cambiano dal momento che la mascherina all’aperto è già obbligatoria in tutta Italia. 
Per quanto riguarda gli stadi, la serie A riparte con il 50% della capienza, così come deciso dall’ultimo decreto per gli impianti all’aperto, massimo 35% per quelli al chiuso. 
Cambiamenti in vista anche a scuola: nella scuola dell'infanzia gli insegnanti dovranno indossare le mascherine Ffp2, così come nelle classi delle primarie e secondarie dove ci sono alunni che non hanno la mascherina perché esentati per specifici motivi. Vista la campagna vaccinale avviata ormai anche per i bambini tra i 5 e gli 11 anni, anche le regole della quarantena potrebbero variare e alleggerirsi.
I positivi registrati ieri, domenica 3 gennaio, sono 61.046 nel nostro Paese. 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su