TUTTO NEWS

Al via il 75esimo Festival di Cannes con il ritorno dei grandi nomi tra cui Tom Cruise

Oggi la cerimonia di inaugurazione, le premiazioni il 28 maggio

Al via il 75esimo Festival di Cannes con il ritorno dei grandi nomi tra cui Tom Cruise

La settantacinquesima edizione del Festival di Cannes sarà speciale per celebrare il ritorno alla normalità e ai grandi eventi, impossibilitati dalla pandemia. Ci saranno i consueti vip di Hollywood, i grandi nomi del cinema europeo e gli interpreti italiani. Ci sarà tra gli altri Léa Seydoux (l’anno assente a causa del Covid) che torna in gara con David Cronenberg e il suo atteso Crimes of the future insieme a Viggo Mortensen. Tantissimi i rappresentanti del cinema francese, compreso Jean Dujardin. Sono attesi Anne Hathaway e Jeremy Strong, Anthony Hopkins e Kristen Stewart, Forest Whitaker (premio alla carriera) e Javier Bardem, Mads Mikkelsen e Isabella Adjani.
Il manifesto con Jim Carrey cha sale la scala di The Truman Show ricorda a tutti che sarà un’edizione rivoluzionaria come se segnasse l’ingresso di un nuovo mondo. Sulla scala di la Montée de Marches ci saranno invece gli occhi puntati del pubblico: ci sarà Virginie Efira madrina (e protagonista fuori concorso di Don Juan di Serge Bozon con Tahar Rahim)ed è attesa anche la star Tom Cruise per il film Top Gun Maverick, fuori concorso. Il delegato generale del festival, Thierry Frémaux, commenta così la presenza del divo: “Noi accogliendo Top Gun: Maverick non accogliamo solo il blockbuster che speriamo farà tornare al cinema gli spettatori ma un artista nonché una persona che negli anni non ha fatto pubblicità, serie, non ha lavorato per le piattaforme. Cruise è un devoto del cinema e lungometraggio".
Solo 5 le donne in concorso: Claire Denis, Léonor Serraille, Kelly Richard, Charlotte Vandermeersch e Valeria Bruni Tedeschi, su ventuno titoli totali, ma Frémaux ribatte alle: “Dei quattro film francesi in concorso tre sono diretti da donne. Le cose evolvono tutti i premi alla regia dello scorso anno a Cannes sono andate a registe donne, è bello salutare qualcosa che venti o trent'anni fa non avremmo mai immaginato". Infine c’è la novità di TikTok come partner e il contest #TikTokShortFilm, una gara dedicata esclusivamente ai cortometraggi di massimo 3 minuti e 30 secondi, pensati e creati per TikTok. “Non penso Tiktok come una forma futura di cinema - ha commentato Frémaux - Molte persone che si sono rivelati sui social network poi sono arrivati al cinema, il cinema resta l'arte ultima dove gli artisti e gli operatori tendono”. 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su