TUTTO NEWS

La vipera degli Orsini non è velenosa, ma viene uccisa ugualmente

La vipera innocua è minacciata dall’uomo impaurito

La vipera degli Orsini non è velenosa, ma viene uccisa ugualmente

Siamo abituati a sussultare alla vista di una vipera, famosa per il suo veleno, ma esiste una specie di vipera che è innocua e che paga la sua somiglianza con il tradizionale rettile velenoso; si chiama Vipera degli Orsini (Vipera Ursinii), ha una lunghezza massima di 50 cm, si nutre di piccoli roditori e cavallette e si riproduce ogni due anni, facendo nascere da 4 a 6 piccoli. Ha una limitata capacità di movimento, quindi attacca di rado e comunque riuscirebbe ad attaccare solo altezza terra vista la sua lentezza. Si tratta della vipera meno pericolosa d’Europa, assolutamente innocua per l’uomo, ma questo non basta tenerla al riparo dagli attacchi umani che intimoriti la uccidono.
Oltre alla minaccia umana, esistono molti fattori ambientali che ne mettono a rischio la sopravvivenza e la riproduzione, come ad esempio la presenza di pascoli che modificano il loro habitat e bestiame ruminante che distrugge le loro uova. Anche le auto possono uccidere accidentalmente gli esemplari della specie, soprattutto i maschi che sono più itineranti, e arrivano anche al ciglio della strada. Meno esemplari maschi significa meno capacità adattiva e conseguenze come l'accoppiamento tra consanguinei che porta a deformazioni come assenza di occhi, bicefalia o malformazione delle squame ventrali, ad esempio.
La vipera comune, Vipera aspis, è invece molto velenosa, ma comunque generalmente non abbastanza da uccidere un essere umano (adulto). Se si viene morsi occorre disinfettare la ferita, comprimere la zona intorno a essa per far fuoriuscire il veleno e comunque recarsi al più presto al pronto soccorso. 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su